Emorragia retinica: sintomi e trattamento

L'emorragia retinica è un processo che si verifica nella retina del bulbo oculare, causato da danni agli elementi del sistema vascolare. Questo processo può essere invisibile alla visione umana e viene rilevato solo se esaminato da un oftalmologo. La patologia è considerata estremamente pericolosa, poiché i recettori responsabili della qualità della vista si trovano nello strato reticolare del bulbo oculare..

La malattia è diffusa e può essere causata sia da una lesione meccanica alla parte superiore del tronco, sia da una complicazione di altre malattie. Qualsiasi manifestazione di patologia richiede l'intervento immediato di specialisti al fine di evitare il distacco della retina.

L'emorragia retinica sta sanguinando nel tessuto retinico derivante da danni alle pareti dei vasi oculari

Cause di occorrenza

Una delle principali cause di emorragia è il trauma alla testa o agli organi visivi. L'emorragia negli organi visivi ha tre gradi di gravità.

Facile

Con un lieve grado di danno, i sintomi pronunciati non compaiono. La struttura del bulbo oculare non cambia la sua forma. Occasionalmente, potrebbe esserci gonfiore nella regione corneale. In questa fase, la visione quasi non perde la sua nitidezza.

Media

Nella fase intermedia, alcuni tessuti del bulbo oculare sono interessati. Il sangue nei vasi può diffondersi sotto lo strato congiuntivale e provocarne la rottura. Si osserva un deficit visivo parziale. L'irritazione appare quando la luce è troppo intensa.

pesante

Per un grave grado di danno, i cambiamenti nella struttura dei tessuti oculari sono caratteristici. In alcune zone della retina possono formarsi lacrime e distacchi. C'è una piccola possibilità di spostamento dell'umor vitreo. La qualità della vista si deteriora con una rapida progressione.

Anche la più piccola lesione alla parte superiore del busto può portare allo sviluppo di gravi patologie nel bulbo oculare. In alcuni casi, i sintomi evidenti della malattia potrebbero non corrispondere alla minaccia reale. Molto spesso l'emorragia è accompagnata da una commozione cerebrale.

Inoltre, l'emorragia retinica può essere una complicazione delle seguenti malattie:

  1. Ipertensione. La pressione sanguigna costantemente alta porta al fatto che il sistema vascolare non può far fronte a una grande quantità di sostanze in arrivo. Le sue pareti diventano più sottili e il liquido inizia ad accumularsi sotto la retina..
  2. Aterosclerosi. In questa malattia, le navi danneggiate cambiano la loro struttura. I cambiamenti nel sistema vascolare lo rendono meno elastico, il che influisce sulla sua suscettibilità a qualsiasi influenza esterna.
  3. Diabete. Durante questa malattia cronica, il livello di zucchero nel sangue aumenta più volte. Ciò porta al fatto che i vasi iniziano ad allargarsi e le loro pareti si indeboliscono..
  4. Anche le malattie dei tessuti connettivi svolgono un ruolo importante nelle condizioni generali del sistema vascolare. Con lo sviluppo di tali malattie, aumenta il rischio di accumulo di liquido nella retina, passato dalle pareti dei vasi sanguigni..
  5. Malattie associate al sistema circolatorio. A causa di patologie che provocano cambiamenti nella composizione del sangue e nella sua coagulabilità, il lavoro del sistema vascolare viene interrotto.
L'emorragia retinica è abbastanza comune e può essere una conseguenza sia di lesioni meccaniche che di alcune malattie.

Inoltre, le malattie degli occhi possono essere la causa dell'emorragia retinica. La formazione di tumori all'interno del bulbo oculare può portare alla compressione dei sistemi vascolare e venoso, con conseguente emorragia. Inoltre, un alto grado di miopia influisce anche sulla formazione della patologia..

Le emorragie possono essere le conseguenze di uno sforzo fisico eccessivo. Gli esperti identificano le seguenti situazioni in cui può formarsi la patologia:

  • sollevamento pesi;
  • esercizio improprio durante l'esercizio cardiovascolare;
  • doglie.

Nei neonati, l'emorragia retinica può derivare da un violento scuotimento.

Sintomi

I principali sintomi dell'emorragia retinica includono:

  • mobilità limitata degli organi visivi;
  • diminuzione della qualità della vista;
  • contorni sfocati di oggetti e loro biforcazione;
  • l'aspetto di un velo, mosche o lampi davanti agli occhi.

Nelle prime fasi dell'emorragia appare una piccola macchia, che in seguito inizia a crescere. Quando la patologia occupa un ampio spazio sulla pupilla, la vista perde gradualmente la sua acutezza e scompare. In caso di danni all'orbita oculare e processi infiammatori, iniziano a formarsi tumori.

Quando l'emorragia si trova lungo il sistema vascolare, la qualità della vista non scompare. Tuttavia, se la parte centrale della retina è interessata, la qualità del lavoro degli organi visivi diminuisce gradualmente. I cambiamenti patologici che si verificano negli organi visivi spesso passano inosservati e vengono rilevati solo durante la diagnosi delle condizioni del fondo del bulbo oculare.

La causa più comune di questo tipo di emorragia è un trauma contusivo (contusione) dell'occhio..

Trattamento

Gli specialisti diagnosticano la patologia usando uno strumento speciale, un oftalmoscopio. Dopo la sua identificazione, il paziente viene inviato per un esame del sangue per scoprire la causa dello sviluppo dell'emorragia. Nella maggior parte dei casi, la patologia diventa un presagio di una grave interruzione del corpo..

Il trattamento dell'emorragia retinica, particolarmente grave, richiede un intervento chirurgico immediato.

Con un grave grado di emorragia, l'oftalmologo prescrive una procedura di vitrectomia per il paziente. Come risultato di questa operazione, il corpo vitreo viene parzialmente rimosso, così come i coaguli di sangue accumulati nella membrana dell'occhio. Il periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico dura circa due settimane. Trascorso questo tempo, l'oftalmologo sarà in grado di fare una diagnosi per determinare l'efficacia dell'operazione. Se sarà possibile salvare completamente le funzioni visive dipende dalla gravità della patologia, nonché dal grado del suo sviluppo al momento della richiesta di aiuto del paziente.

Lo stadio intermedio dell'emorragia non richiede un intervento chirurgico. La maggior parte degli esperti consiglia di evitare l'affaticamento degli occhi per diverse settimane. Durante la prima settimana, si consiglia al paziente di riposare il più spesso possibile con gli occhi chiusi. Soddisfando questo semplice requisito, puoi aumentare il sedimento sanguigno naturale. Durante questo periodo, devi prenderti cura con attenzione degli organi visivi. Guarda come appaiono le emorragie retiniche nella foto.

Qualsiasi emorragia, soprattutto ripetuta, richiede un consiglio medico obbligatorio

Esiste anche un trattamento farmacologico per l'emorragia nella retina del bulbo oculare. Quando la malattia non è dovuta allo sviluppo di malattie pericolose e inoltre non ha un grado grave, un oftalmologo può prescrivere farmaci che hanno un effetto emostatico. Tra questi medicinali, "Emoxipin", prodotto sotto forma di collirio, si è rivelato eccellente. Tra le sue proprietà positive, si può individuare: rafforzare il sistema vascolare e proteggere gli organi visivi da una luce troppo intensa. Questo rimedio può essere utilizzato solo dopo la sua nomina da un oftalmologo..

Un corso di terapia vitaminica può essere una raccomandazione generale per tutti i pazienti. Le vitamine del gruppo C hanno proprietà che hanno un effetto positivo sul rafforzamento del sistema vascolare, oltre a normalizzare la circolazione sanguigna nel corpo.

Per evitare lo sviluppo di questa spiacevole patologia, è necessario prendere tempo per rafforzare il sistema immunitario del corpo. Inoltre, non trascurare la visita di specialisti medici e la diagnosi del corpo..

Cause e conseguenze dell'emorragia retinica

L'emorragia retinica è una complicanza che si verifica quando viene violata l'integrità dei vasi situati nella zona degli occhi. Questa patologia è di notevole pericolo. Nell'area della retina sono concentrati i recettori visivi. L'emorragia sulla retina viene diagnosticata sia in presenza di varie malattie croniche nel paziente che in lesioni meccaniche. In caso di sanguinamento, consultare il medico. La successiva emorragia aumenta la probabilità di distacco di retina.

Le principali cause di disturbo

L'emorragia retinica è spesso il risultato di un trauma cranico. In termini di gravità, può essere dei seguenti tipi:

  • Leggero. Se si verifica una lesione del genere, non ci sono danni visibili. Può verificarsi un lieve edema retinico o corneale. Con lesioni minori, non vi è alcun deterioramento significativo della vista;
  • Media. Con una tale lesione, l'acuità visiva può diminuire, gli occhi di solito reagiscono esclusivamente alla luce. Spesso c'è una complicazione come l'erosione corneale;
  • Pesante. Con questa lesione, si osservano cambiamenti irreversibili nell'area dei tessuti oculari. Di conseguenza, la vista può essere completamente persa..

Anche con una lesione minore, l'integrità del bulbo oculare può essere interrotta. L'emorragia nell'area della retina è spesso una complicazione di una patologia come una lesione cerebrale chiusa.

L'inizio del malessere può essere innescato dai seguenti motivi:

  1. Aterosclerosi. Con questa malattia possono formarsi placche aterosclerotiche sulle pareti vascolari. Di conseguenza, la forza dei vasi è notevolmente ridotta, aumenta il rischio di emorragia nella retina;
  2. Ipertensione. Con un forte aumento della pressione sanguigna, aumenta la probabilità di rottura delle pareti vascolari;
  3. Alti livelli di glucosio;
  4. La presenza di malattie sistemiche in cui è presente un danno al tessuto connettivo. Con queste patologie la permeabilità vascolare può aumentare;
  5. La presenza di malattie croniche del sistema ematopoietico. Con il deterioramento della coagulazione del sangue, lo stato dei vasi sanguigni peggiora significativamente.

L'emorragia retinica può verificarsi anche con le seguenti malattie oftalmiche:

  • Miopia;
  • Trombosi delle vene nella retina;
  • Irit;
  • La presenza di un processo infiammatorio nell'area della coroide.

Ci sono altre cause di emorragia retinica:

  1. Allenamento sportivo estenuante;
  2. Tentativi durante il parto;
  3. Tosse persistente.

Quali tipi di emorragie si possono distinguere?

Esistono i seguenti tipi di emorragie retiniche:

  • Hyphema. Si verifica nella camera anteriore dell'occhio. L'ifema ha contorni lisci. In sua presenza, non vi è alcuna distorsione significativa della visione;
  • Emoftalmo. In caso di emorragia nella regione vitrea, può apparire un piccolo granello di una ricca tonalità marrone. Si trova dietro l'obiettivo. In presenza di emoftalmo, l'acuità visiva può diminuire in modo significativo;
  • Emorragia sottocongiuntivale. La patologia è accompagnata dalla comparsa di una macchia rosso vivo nell'area del bulbo oculare;
  • Emorragia preretinica che si verifica tra la parte posteriore dell'umore vitreo e le terminazioni nervose adiacenti.

Sintomi avversi

In presenza di emorragia retinica compaiono i seguenti sintomi:

  1. Diminuzione della chiarezza della vista;
  2. Biforcazione di oggetti davanti agli occhi;
  3. La comparsa di "mosche" scure nel campo visivo.

Di solito, con l'emorragia retinica, appare una macchia torbida davanti agli occhi, che aumenta gradualmente di dimensioni. Con danni estesi, può verificarsi la completa perdita della vista.

Procedure diagnostiche per emorragia

Per stabilire una diagnosi accurata, è possibile utilizzare le seguenti tecniche diagnostiche:

  • Retinoscopia e oftalmoscopia, necessarie per l'esame del fondo del paziente;
  • Procedura ad ultrasuoni;
  • Angiografia a fluorescenza retinica. Con un esame dettagliato dei vasi corrispondenti, viene iniettato un mezzo di contrasto nel corpo del paziente, che consente di rilevare la fonte del sanguinamento;
  • Determinazione dell'acuità visiva per identificare il grado di disabilità visiva;
  • Tomografia a coerenza ottica. Con questa tecnica di scansione è possibile ottenere un'immagine retinica di alta precisione..

Modi per affrontare l'emorragia retinica

Con un'emorragia abbondante, è possibile eseguire un intervento chirurgico (vitrectomia). Nel processo chirurgico, vengono rimosse le aree interessate del corpo vitreo e i coaguli di sangue. Nella maggior parte dei casi, il recupero della vista si verifica nelle prime 2-4 settimane dopo l'intervento. In presenza di cambiamenti irreversibili nella struttura della retina, la visione può essere ancora insufficientemente chiara.

In caso di emorragia minore, non causata da malattie croniche, si consiglia di dare pace agli occhi. Puoi sederti per un po 'con gli occhi chiusi. Questo normalizzerà la circolazione sanguigna..

In caso di emorragia retinica possono essere utilizzati farmaci dotati di effetto emostatico e vaso-rinforzante. Tali farmaci includono "Emoxipin". Si consiglia di utilizzare questo farmaco sotto controllo medico..

In presenza di emorragia retinica, possono essere utilizzati i seguenti farmaci:

  1. Corticosteroidi;
  2. Medicinali dotati di proprietà antinfiammatorie;
  3. Medicinali appartenenti al gruppo dei diuretici;
  4. Preparati vitaminici e minerali ricchi di antiossidanti.

In alcune situazioni, in presenza di emorragia retinica, viene eseguita la terapia del calcio. La procedura promuove il riassorbimento del sangue, aiuta ad alleviare il gonfiore dei tessuti e riduce l'infiammazione.

Come sbarazzarsi delle "mosche" davanti ai tuoi occhi con rimedi popolari?

In caso di emorragia retinica, spesso ci sono "mosche" davanti agli occhi. Possono essere trattati non solo con le medicine, ma anche con metodi popolari..

In caso di lamentele sulle “mosche” negli occhi, nel menù giornaliero dovrebbero prevalere i piatti contenenti molto retinolo e acido ascorbico. Si consiglia di inserire nella dieta l'olio di canapa: il prodotto è arricchito con acidi grassi.

Per ridurre la probabilità di distacco della retina, puoi preparare l'infuso di vischio. La pianta medicinale ha molte proprietà benefiche. I prodotti a base di vischio possono aiutare a ridurre la pressione intraoculare. Per preparare un infuso di vischio, 5 grammi di piante vengono versati con 200 ml di acqua bollita. Si consiglia di assumere 100 ml due volte al giorno.

I frutti di bosco come mirtilli e mirtilli sono efficaci nel trattamento di varie malattie degli occhi. Gli alimenti sono arricchiti con antiossidanti. Le bacche aiutano a migliorare la visione notturna. Mirtilli e mirtilli sono attivamente utilizzati nella complessa terapia della miopia, del glaucoma e del distacco di retina. Le bacche vengono utilizzate sia fresche che sotto forma di un farmaco (capsule). I mirtilli possono aiutare a combattere l'affaticamento degli occhi. La bacca contiene antiossidanti che aiutano a rafforzare i vasi sanguigni delle fibre.

Le more contengono una grande quantità di acido ascorbico. È dotato di un pronunciato effetto antinfiammatorio. Con il consumo regolare di bacche sane, il deflusso del fluido migliora, la pressione intraoculare diminuisce.

Il processo di preparazione di un infuso a base di bacche di sambuco è abbastanza semplice:

  • 20 grammi di materiali vegetali dovrebbero essere versati con un litro d'acqua;
  • La miscela risultante viene infusa per 40 minuti;
  • Dopo il tempo specificato, l'agente viene filtrato.

L'infusione finita viene utilizzata per trattare gli occhi. La procedura deve essere eseguita due volte al giorno..

In presenza di emorragia retinica si può anche prendere un infuso realizzato secondo la ricetta sottostante:

  1. 5 grammi di fiori di grano saraceno vengono versati con 0,2 litri di acqua calda;
  2. La miscela risultante deve essere infusa per tre ore;
  3. Dopo il tempo specificato, il prodotto viene filtrato.

Si consiglia di utilizzare 50 ml di infusione tre volte al giorno. La durata del corso consigliata è di 7 giorni.

Ricetta per rimedi popolari per sanguinamento sottocongiuntivale

Se il paziente ha sanguinamento sottocongiuntivale, puoi usare la ricetta seguente:

  • 30 grammi di radici di cicoria accuratamente tritate vengono versate in 1,5 litri di acqua;
  • Il prodotto va portato a ebollizione a fuoco medio;
  • Successivamente, la bevanda viene infusa per 30 minuti..

A quali complicazioni può portare un'emorragia nella regione retinica??

Un'emorragia retinica profusa può portare ai seguenti effetti avversi:

  1. Distacco della retina;
  2. Distacco del corpo vitreo (la sua schiena).

Per identificare le complicanze corrispondenti, vengono utilizzate tecniche diagnostiche strumentali appropriate. In caso di tempestiva ricerca di cure mediche, la prognosi è generalmente favorevole..

L'importanza delle misure preventive

Per prevenire il sanguinamento nella fibra, è necessario seguire le raccomandazioni elencate di seguito:

  • Dovresti visitare regolarmente un oftalmologo;
  • È necessario trattare prontamente le malattie cardiovascolari del paziente;
  • I pazienti a cui è stato diagnosticato il diabete mellito devono monitorare i loro livelli di glucosio nel sangue;
  • Si raccomanda di abbandonare le cattive abitudini, escludere il cibo spazzatura dalla dieta.

Per ridurre la probabilità di emorragia retinica, dovresti adattare la tua dieta. Gli alimenti ricchi di acidi grassi hanno un effetto benefico sulla salute degli occhi. È possibile colmare la carenza delle sostanze rilevanti con i seguenti prodotti:

  1. Oli d'oliva;
  2. Orekhov.

I prodotti contenenti ginkgo biloba aiutano a rafforzare la retina dell'occhio, neutralizzano l'attività dei radicali liberi. Migliorano la vista, attivano la circolazione sanguigna nel nervo ottico.

Vale la pena prestare particolare attenzione agli alimenti ricchi di vitamina A. Una grande quantità di questa sostanza è presente nell'olio di palma, nelle carote, nell'olio di pesce..

Emorragia retinica: trattamento, diagnosi e prevenzione

Il danno all'apparato recettore dell'occhio è sempre associato al rischio di perdita della vista. In pazienti di diverse fasce di età vengono diagnosticate emorragie retiniche, il cui trattamento dipende dal grado di danno alle strutture oculari e dalle complicazioni che si sono manifestate..

Cos'è l'emorragia retinica?

Le strutture del bulbo oculare vengono abbondantemente rifornite di sangue utilizzando la propria rete vascolare, costituita da arterie, vene e vasi del microvascolare.

Un apporto continuo di sangue, ricco di ossigeno e sostanze nutritive, è particolarmente necessario per mantenere l'efficienza dell'organo recettore dell'occhio, la retina.

Sotto l'influenza di vari fattori patologici, le pareti dei vasi sanguigni della retina possono rompersi, il che porterà a sanguinamento. Questa condizione è chiamata emorragia retinica..

La retina è uno speciale tessuto fotosensibile composto da cellule recettrici e strutture ausiliarie. La funzione recettrice della retina fornisce l'elaborazione primaria delle informazioni visive, senza la quale è impossibile realizzare la percezione visiva del mondo circostante.

Le patologie che colpiscono la retina dell'occhio, di regola, hanno un impatto negativo sulla funzione visiva. L'emorragia retinica non è sempre pericolosa.

Le rotture di piccoli vasi non danneggiano importanti strutture dell'occhio. Inoltre, tali patologie spesso rimangono non diagnosticate a causa del decorso asintomatico. Tuttavia, in alcuni casi, l'emorragia può causare il distacco della retina e del vitreo..

Tutto sull'emorragia negli occhi - in un video tematico:

Cause

I piccoli vasi intraoculari hanno spesso pareti piuttosto fragili che sono vulnerabili all'azione di fattori patologici. Inoltre, con alcune malattie, aumenta il rischio di rottura dei vasi sanguigni negli occhi..

Pertanto, le principali cause di emorragia retinica includono:

  • Blocco di un vaso sanguigno.
  • Lesioni agli occhi.
  • Trauma cranico.
  • Fragilità delle pareti dei vasi sanguigni come complicanza del diabete.
  • Esposizione a pressione sanguigna alta.
  • Sindrome da commozione cerebrale come conseguenza di abusi sui minori.

Oltre ai motivi principali, si distinguono i seguenti fattori di rischio:

  1. Aterosclerosi.
  2. Coaguli di sangue nelle arterie.
  3. Degenerazione maculare.
  4. Neovascolarizzazione: crescita anormale dei vasi sanguigni causata da uno scarso flusso sanguigno e dalla mancanza di ossigeno nella retina.
  5. Disturbi cardiaci, inclusi ritmo irregolare e disturbi valvolari.
  6. Alta concentrazione di colesterolo nel sangue.
  7. Sovrappeso.
  8. Somministrazione di farmaci per via endovenosa.
  9. Aumento della pressione intraoculare (glaucoma).
  10. Fumo.
  11. Patologie del sangue rare.
  12. Edema maculare.
  13. Patologie vascolari infiammatorie.

Questi fattori possono causare non solo emorragia retinica, ma anche una serie di altri disturbi..

Sintomi della condizione

I sintomi e le manifestazioni cliniche dell'emorragia retinica dipendono dalle dimensioni della nave danneggiata, dalla posizione dell'emorragia e dal grado di danno alle strutture del fondo oculare.

La patologia è spesso asintomatica. In caso di impatto negativo sulla struttura e sulla funzione dell'occhio, possono comparire i seguenti sintomi:

  • Compromissione improvvisa o graduale della funzione visiva.
  • La comparsa di punti "ciechi" nel campo visivo.
  • Vista annebbiata.

Con l'ulteriore sviluppo di complicazioni pericolose, incluso il distacco della retina o del vitreo, possono comparire i seguenti sintomi:

  1. Lampi di luce improvvisi nel campo visivo.
  2. Grave compromissione della visione periferica.

Se i sintomi elencati si fanno sentire, è necessario consultare un medico il prima possibile..

Diagnostica

Gli oftalmologi si occupano di problemi di diagnosi e cura delle malattie degli occhi. Durante l'appuntamento, il medico chiederà al paziente reclami, malattie precedenti e farmaci presi.

Successivamente, il medico effettuerà un esame strumentale del fondo e prescriverà esami di laboratorio, se necessario. Metodi diagnostici strumentali:

  • Oftalmoscopia e retinoscopia. Questi metodi consentono al medico di esaminare le condizioni del fondo del paziente. Questo tipo di diagnosi consente di rilevare rapidamente danni ai vasi e alla retina.
  • Procedura ad ultrasuoni. Per la diagnostica, viene utilizzata un'apparecchiatura speciale che visualizza le strutture intraoculari utilizzando le onde sonore riflesse. Questo metodo è ottimo per rilevare l'emorragia..
  • Angiografia a fluorescenza retinica. Per uno studio dettagliato dei vasi retinici, il paziente viene iniettato per via endovenosa con un mezzo di contrasto, la fluoresceina. Questo metodo aiuta a trovare la fonte del sanguinamento..

Metodi diagnostici aggiuntivi:

  1. Valutazione dell'acuità visiva mediante tabelle e rifrattometria. Utilizzando questi metodi, viene determinato il grado di disabilità visiva..
  2. Analisi del sangue. La diagnostica di laboratorio consente di rilevare i disturbi primari che hanno causato l'emorragia retinica.
  3. Tomografia a coerenza ottica. Questo metodo di scansione produce immagini estremamente accurate della retina.

La diagnosi di emorragia retinica non è complicata da laboriosi metodi di ricerca, pertanto la patologia viene rilevata abbastanza rapidamente.

Metodi di trattamento

Un'emorragia oculare non richiede sempre un trattamento. Un piccolo volume di sangue non danneggia la struttura dell'occhio e si dissolve nel tempo.

Se il medico identifica comunque segni pericolosi, possono essere prescritti metodi di trattamento medici e chirurgici..

  • Preparazioni anti-vascolari a base di fattori di crescita endoteliali. Iniettato nell'occhio. Questi farmaci migliorano la condizione dei vasi sanguigni dell'occhio nel diabete e in altre malattie.
  • Farmaci corticosteroidi. Prescritto per ridurre l'edema retinico.
  • Il trattamento chirurgico prevede l'uso della chirurgia laser per rimuovere i vasi danneggiati e ripristinare il lavoro del microvascolare. Questo è il trattamento più efficace per la malattia..

Se compaiono complicazioni pericolose, incluso il distacco della retina e del vitreo, può essere necessaria una tattica di trattamento diversa.

Possibili complicazioni e prevenzione

Le emorragie volumetriche del fondo possono causare pericolose anomalie strutturali. Le seguenti complicazioni sono considerate le più comuni:

  • Distacco della retina, in cui la struttura del recettore è staccata da altri tessuti del bulbo oculare.
  • Distacco della parte posteriore dell'umor vitreo.

Queste complicanze sono facilmente rilevabili utilizzando i metodi della diagnostica strumentale, pertanto, con un accesso tempestivo all'assistenza medica, la prognosi è favorevole..

Per prevenire il sanguinamento nell'area della retina, è necessario monitorare attentamente la salute degli occhi. Le seguenti misure preventive sono particolarmente importanti:

  1. Visite regolari a un oftalmologo per identificare malattie asintomatiche.
  2. Trattamento delle malattie cardiovascolari.
  3. Monitoraggio della concentrazione di zucchero nel sangue nel diabete e della pressione sanguigna nell'ipertensione.
  4. Rifiuto delle cattive abitudini.
  5. Una dieta sana che prevede di evitare cibi grassi.

È importante ricordare che la probabilità di sviluppare un'emorragia retinica dipende direttamente dalla salute delle strutture del fondo oculare e dal sistema cardiovascolare..

Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio per comunicarcelo.

Emorragia retinica (nella retina)

Emorragia retinica - il rilascio di sangue dai vasi in uno degli strati della retina: lo strato di fibre nervose, negli strati intermedi della retina, tra lo strato di fibre nervose e la membrana ialoide (emorragia preretinica) o strati del pigmento retinico e del neuroepitelio (emorragia sottoretinica).

Cause

Il sangue può fuoriuscire solo dai vasi, quindi la causa diretta dell'emorragia nella retina è sempre il danno alla coroide che lo alimenta - rottura o permeabilità patologica delle pareti vascolari (in quest'ultimo caso, il volume di versamento accumulato è molto inferiore). A loro volta, le principali cause di danno vascolare sono:

  • le lesioni (comprese quelle subite durante la chirurgia oftalmica) sono statisticamente il fattore più frequente, la cui quota è del 75-85%;
  • patologia vascolare (angiopatia) e conseguenti processi degenerativi nella retina (retinopatia) come malattia primaria indipendente;
  • angio- e retinopatie secondarie sviluppate a seguito di altre malattie più generali (diabete mellito, ipertensione arteriosa, malattie del sangue, infezioni, aterosclerosi, ecc.).

Le conseguenze dirette dell'emorragia retinica possono essere infiltrati, edema, infiammazione, ecc., Ma la minaccia più probabile e pericolosa (soprattutto quando si verificano perdite di fluido tra la retina e la coroide) è il distacco della retina, parziale o totale, che significa un netto deterioramento della vista o irreversibile cecità.

Separatamente, come forma speciale, viene considerata l'emorragia retinica nei neonati, che ha una distinta specificità causale, clinica e prognostica, in contrasto con le emorragie "adulte"..

Quindi, con la tendenza globale all'aumento e al peggioramento delle retinopatie dei neonati (soprattutto dei neonati prematuri), la frequenza delle emorragie retiniche postpartum nei neonati raggiunge il 20-30%. Sono stati rivelati importanti schemi statistici: in primo luogo, tali emorragie sono estremamente rare durante il parto con taglio cesareo e, in secondo luogo, la loro probabilità è molto più alta (circa una volta e mezza) nel caso in cui una donna partorisca per la prima volta.

Successivamente è stato confermato che la causa principale dell'emorragia retinica nei neonati è il parto stesso, più precisamente, la natura del processo di nascita e i metodi dell'ostetricia. Il travaglio ostruito, complicato e prolungato associato alla compressione della testa fetale, nonché le tecniche ostetriche e ginecologiche meccaniche (pinze, vuoto) aumentano notevolmente la probabilità di emorragia retinica, che di solito si nota a 1-2 settimane di vita. Ci sono state preoccupazioni allarmanti su una possibile connessione tra emorragie nella retina e nel cervello, ma nel corso di successivi studi approfonditi utilizzando la tomografia, tale connessione, fortunatamente, non è stata confermata..

Trattamento

Nel caso dell'emorragia retinica negli adulti, le sue cause alla radice sono di fondamentale importanza: malattie somatiche, endocrine, cardiovascolari o oftalmiche, che hanno provocato l'emorragia, o la natura e la gravità della lesione. In base a ciò, viene selezionata una strategia terapeutica: vengono prescritti farmaci riassorbenti e angioprotettivi, trombolitici, antiossidanti e vitamine (trascurare gli ultimi due punti, nonostante la loro apparente "frivolezza" e "banalità", è altamente sconsigliato - tali complessi antiossidanti-vitaminici sono davvero efficaci e necessari per stimolare i processi rigenerativi).

Il controllo terapeutico e misure adeguate per alleviare i sintomi acuti della malattia sottostante, se presenti, sono importanti. Con grandi volumi di emorragia, la sua natura ricorrente e, di conseguenza, la minaccia di uno sviluppo sfavorevole del quadro clinico, ricorrono all'intervento oftalmico, principalmente per prevenire il distacco della retina. Tuttavia, singole emorragie, di volume insignificante, causate, ad esempio, da una lesione oculare accidentale, potrebbero non richiedere una terapia speciale: in alcuni casi, l'oftalmologo prescrive solo un riposo prolungato e un regime visivo delicato, a seguito del quale l'emorragia si risolve naturalmente e senza alcuna conseguenza per il sistema visivo.

Nei neonati, nonostante l'incidenza significativamente più alta di emorragie retiniche, allo stesso tempo, le risorse compensative e rigenerative sono molto più elevate che in un organismo adulto di lunga formazione. Nella maggior parte dei casi, l'emorragia retinica non richiede un intervento speciale: la sintomatologia regredisce da sola e, di regola, non viene più osservata durante un esame del dispensario dopo un mese.

Eppure, riassumendo quanto sopra, è necessario sottolineare l'estremo significato funzionale, la ristretta specializzazione, la vulnerabilità e l'insostituibilità della retina. Non dovresti rischiare la tua vista o, soprattutto, la visione di un neonato. La consultazione e l'esame di un oftalmologo per l'emorragia retinica sono obbligatorie quanto l'adempimento di tutti gli appuntamenti presi dal medico.

Il nostro centro oftalmologico tratta con successo tutti i tipi di emorragie retiniche in pazienti di varie fasce d'età. Medici rinomati e attrezzature moderne garantiscono risultati di trattamento elevati!

Informazioni generali sulla retina e lo stato attuale della retinologia

La retina è uno strato di speciali cellule recettrici sensibili alla luce nel fondo che percepisce l'immagine messa a fuoco dall'occhio. Inoltre, viene trasmesso a un nervo speciale, che, con il suo disco terminale, entra nella regione maculare più sviluppata della retina ("macchia gialla" centrale) e funge da conduttore del segnale visivo dal neuroepitelio alle zone visive della corteccia cerebrale, dove, elaborando e fondendo due segnali separati, un unico binocolo modulo. La visione normale implica completa sicurezza, coerenza e corretta "regolazione" di tutti gli elementi del percorso ottico-conduttivo.

Allo stesso tempo, dal punto di vista evolutivo, il sistema visivo umano non è protetto in modo affidabile e rigido come alcuni altri sistemi del corpo e ha risorse significativamente inferiori per la rigenerazione e la compensazione dei danni. Pertanto, in caso di guasto funzionale delle strutture oculari e dei tessuti causati da traumi o malattie, una persona deve spesso sostituirli - con materiale donatore (ad esempio, trapianto di cornea) o sintetico (ad esempio, il noto impianto di una lente artificiale). Per quanto riguarda la retina, in primo luogo, svolge un ruolo completamente esclusivo nel sistema visivo e, in secondo luogo, è troppo complessa per l'attuale fase di sviluppo tecnologico, ad es. fino a quando non può essere sostituito, ad esempio, da un ricetrasmettitore elettronico del livello neurale.

Oggi anche il trapianto di retina da donatore è inaccessibile, non sufficientemente studiato statisticamente e, infatti, rimane solo una procedura sperimentale, molto costosa e complicata. I primi tentativi relativamente riusciti di tali operazioni sono stati effettuati abbastanza di recente - nel 2008 in Europa e poi nel 2014 in Giappone, dove è stato eseguito il primo trapianto di retina al mondo, cresciuto da cellule staminali. Per quanto riguarda il trapianto di retina da donatore, viene enfatizzata la relatività del successo: la vista viene ripristinata solo parzialmente, la stabilità dell'effetto è sconosciuta a causa del periodo e del volume estremamente brevi delle osservazioni. I messaggi sul funzionamento del tronco retinico sono generalmente caratterizzati da moderazione e avarizia ("il campo visivo del paziente è diventato più luminoso").

Il trattamento medico conservativo della retina stessa è inefficace e viene prescritto principalmente come terapia aggiuntiva o di supporto. Infatti, l'unico e più collaudato metodo di trattamento di una retina affetta, danneggiata, degenerante e / o desquamata è la chirurgia oftalmica (e il fattore decisivo è la tempestività), soprattutto in combinazione con metodi di coagulazione laser ad eccimeri - in questo caso, la probabilità di successo è incommensurabilmente maggiore e ammonta a, secondo varie fonti, dal 70% al 90%.

Da questa breve rassegna, segue logicamente la conclusione alla quale è giunta la saggezza popolare molto tempo fa: la retina dell'occhio dovrebbe essere protetta esattamente "come la pupilla dell'occhio" e, in caso di problemi minimi, cercare immediatamente un aiuto qualificato. In caso contrario, il rischio di una grave riduzione o della completa perdita della vista è molto alto..

Emorragia retinica: cause, tipi e trattamento

L'emorragia retinica si sviluppa a seguito dell'esposizione a diversi fattori causali. Potrebbe non causare sensazioni soggettive in una persona e rimanere inosservato per molto tempo. In caso di distacco di retina o di sviluppo di emorragia nella regione maculare, non è escluso il deficit visivo, fino alla sua completa perdita. Qualsiasi segno di violazione dello stato funzionale dell'occhio è la base per contattare un oftalmologo, che prescriverà un trattamento tempestivo e appropriato.

Sintomi clinici

Con un piccolo volume di sangue al di fuori della macula, i sintomi clinici non si manifestano praticamente. Con la localizzazione di cambiamenti patologici nell'area della macula (macula), in caso di distacco della retina, compaiono i seguenti segni del processo patologico:

  1. Disagio con spiacevoli sensazioni di "pressione" negli occhi.
  2. Diminuzione dell'acuità visiva, che può variare in gravità.
  3. La comparsa di una "griglia" davanti agli occhi.
  4. "Sfocatura" dell'immagine, visione doppia.
  5. La comparsa di "mosche" davanti agli occhi, che porta al deterioramento della vista.

Man mano che la condizione patologica progredisce, la macchia torbida davanti agli occhi si espande, che aumenta gradualmente nel tempo. Con il distacco della retina o l'emorragia maculare, i campi visivi cadono.

Cause

L'emorragia retinica è una condizione patologica polietiologica. Ciò significa che il suo sviluppo provoca un gran numero di fattori provocatori. Le ragioni per lo sviluppo di una condizione patologica includono:

Ipertensione arteriosa con aumento del livello di pressione arteriosa sistemica. In questo caso, si verifica un danno alle piccole arterie o alle strutture del microvascolare della retina con emorragia.

Patologia sistemica del sangue, che colpisce lo stato funzionale dei corpuscoli e della coagulazione - leucemia, trombocitopenia di varia origine, emofilia.

  1. Aumento della pressione intraoculare, anche con angolo aperto o
    glaucoma ad angolo chiuso.
  2. Diabete mellito: porta a un aumento a lungo termine dei livelli di zucchero nel sangue
    a una diminuzione della forza delle pareti dei vasi della microvascolarizzazione dovuta a
    che aumenta la probabilità di sviluppare emorragia.
  3. Malattie infiammatorie che colpiscono direttamente
    retina o vasi in essa.
  4. Neoplasie intraoculari benigne o maligne.
  5. Patologia sistemica del tessuto connettivo, che di solito ha
    origine autoimmune - vasculite sistemica, sclerodermia, con
    la cui immunità produce "erroneamente" anticorpi contro i propri
    tessuti.
  6. Miopia progressiva nelle fasi successive della progressione
    processo patologico.
  7. Aterosclerosi retinica: deposizione di colesterolo in
    pareti vascolari sotto forma di placche aterosclerotiche, a seguito delle quali
    la loro forza diminuisce.

Nei bambini di età inferiore a un anno, una condizione patologica può provocare un forte pianto o tosse, in cui aumenta la pressione nei vasi venosi della testa. In casi isolati, il processo patologico è stato diagnosticato nelle donne durante il parto..

La classificazione moderna implica la divisione di una condizione patologica in tipi secondo diversi criteri. In relazione alla retina, esistono 3 tipi di emorragia:

  1. Preretinale: il sangue si accumula davanti alla retina, condizione
    caratterizzato dalla comparsa di una "macchia torbida" davanti agli occhi.
  2. Intraretinico: l'emorragia si verifica direttamente nel tessuto
    retina.
  3. Sottoretinico: l'emorragia è localizzata dietro la retina, potrebbe non esserlo
    influenzare l'acuità visiva nel caso in cui non si sia verificato il peeling.

Le emorragie con edema retinico e l'accumulo di sangue nella regione maculare, che sono caratterizzati da un esito sfavorevole, si distinguono separatamente..

Diagnostica

L'oftalmoscopia viene eseguita per identificare e localizzare l'emorragia. In via preliminare, i farmaci vengono instillati negli occhi sotto forma di gocce, che dilatano le pupille. Quindi, utilizzando un dispositivo speciale, il medico esamina la retina.

Per determinare la causa dello sviluppo del processo patologico, viene inoltre prescritto un elettrocardiogramma, viene misurata un'analisi clinica di sangue, urina, pressione sanguigna, livelli di glucosio nel sangue. Sulla base di tutti i risultati dei test diagnostici eseguiti, il medico seleziona il trattamento appropriato.

Trattamento farmacologico

Il trattamento dell'emorragia nella retina con farmaci include l'uso di farmaci di diversi gruppi farmacologici:

  • agenti vasocostrittori;
  • farmaci emostatici;
  • vitamine K e C, che contribuiscono alla normalizzazione della condizione
    coagulazione del sangue;
  • vitamina A per migliorare lo stato funzionale delle cellule della retina.

Oltre ai medicinali, è necessariamente prescritto un regime, il che implica una diminuzione del carico sugli occhi. In caso di patologia del sistema cardiovascolare, che è accompagnata da un aumento del livello di pressione sanguigna sistemica, vengono prescritti farmaci antipertensivi. In caso di diabete mellito concomitante di primo o secondo tipo, devono essere prescritti farmaci ipoglicemizzanti o insulina.

Chirurgia

L'intervento chirurgico è prescritto per l'emorragia volumetrica nella retina, nonché per la localizzazione dei cambiamenti nella regione maculare. Si chiama vitrectomia e comporta la rimozione di un coagulo di sangue che si è formato che sta bloccando la normale percezione della luce. Allo stesso tempo, le aree alterate e nuvolose del corpo vitreo vengono rimosse.

Nonostante il trattamento chirurgico radicale, non è possibile ottenere il ripristino completo dell'acuità visiva in caso di emorragia volumetrica nella retina..

Metodi tradizionali di trattamento

I metodi tradizionali di trattamento prevedono l'uso di piante medicinali. Si consiglia di assumere molti frutti che contengono abbastanza vitamine. Dalle piante medicinali, si consiglia di utilizzare la camomilla all'interno, l'erba di San Giovanni sotto forma di infuso.

Complicazioni

L'emorragia retinica con una piccola quantità di sangue rilasciato passa quasi senza lasciare traccia. I coaguli di sangue rimanenti per un lungo periodo di tempo provocano la formazione di aderenze e cicatrici del tessuto connettivo, che peggiorano lo stato funzionale dell'organo della vista.

Il sanguinamento voluminoso porta ad una diminuzione dell'acuità visiva. Allo stesso tempo, aumenta il rischio di un forte deterioramento della nutrizione delle cellule retiniche con la loro successiva morte e lo sviluppo di cambiamenti irreversibili.

Prevenzione

L'emorragia retinica può essere prevenuta. Per fare ciò, segui semplici consigli preventivi, che includono:

  • esclusione dell'impatto dei fattori provocatori;
  • normalizzazione del peso;
  • sufficiente attività fisica;
  • alimentazione razionale con restrizione di cibi grassi e fritti;
  • smettere di cattive abitudini, compreso il fumo e sistematico
    consumo di alcool;
  • riducendo il carico sull'organo della vista.

Se una persona sa che la forza delle sue pareti vascolari è ridotta, allora deve evitare movimenti improvvisi, giri della testa, piegamenti.
Allo stesso tempo, a scopo preventivo, si consiglia di assumere vitamina C e rutina, che rafforzano le pareti dei vasi sanguigni..

L'autore dell'articolo: Igor Mikhailovich Krivoguz, specialista del sito web glazalik.ru
Condividi la tua esperienza e opinione nei commenti.

Se trovi un errore, seleziona una parte di testo e premi Ctrl + Invio.

Cause di emorragia retinica

L'emorragia retinica è un accumulo di sangue nei tessuti dell'occhio a causa di danni ai vasi sanguigni. Questa condizione può essere causata da lesioni alla testa o agli organi visivi, alcune malattie sistemiche e uno sforzo fisico eccessivo. In caso di emorragia negli occhi, è necessario consultare immediatamente un medico, è necessario ricordare che una tale condizione può portare al distacco della retina. Prima di prescrivere il trattamento, il medico determina in quale struttura dell'occhio si trova il disturbo.

Sintomi della condizione

L'emorragia negli organi visivi di solito si verifica con una serie di sintomi di accompagnamento:

  1. Diminuzione dell'acuità visiva, l'immagine davanti agli occhi diventa indistinta e sfocata.
  2. I movimenti del bulbo oculare sono nettamente limitati.
  3. Una rete e mosche nere guizzano davanti ai tuoi occhi.
  4. Con gravi danni, un grande punto appare davanti all'occhio, che aumenta solo con il tempo. In casi particolarmente gravi, la vista può scomparire del tutto..
  5. C'è un mal di testa dall'occhio danneggiato.
  6. Con gravi lesioni agli occhi e alcune malattie del sangue, il bulbo oculare può sporgere fortemente in avanti..

Se il coagulo di sangue è localizzato vicino ai vasi o alla periferia, potrebbe non esserci alcuna diminuzione dell'acuità visiva o le deviazioni dalla norma sono piuttosto insignificanti. Quando il sangue si accumula nella parte centrale del bulbo oculare, la vista diminuisce molto rapidamente.

Con l'emorragia retinica, le manifestazioni esterne possono essere del tutto assenti. Tutto dipende dal grado di danno ai tessuti.

Cause e conseguenze dell'emorragia retinica

La causa più comune di emorragia retinica è un trauma agli occhi e alla testa. Ma alcune malattie sistemiche possono anche provocare questo processo patologico:

  • Malattie del sangue - leucemia o anemia;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Vari tumori negli organi visivi o nel cervello;
  • Diabete mellito di vario tipo;
  • Infiammazione dei vasi sanguigni dell'occhio;
  • Grave miopia;
  • Malattie del tessuto connettivo. Questi includono sclerodermia e vasculite;
  • Aterosclerosi.

Questo tipo di disturbo può verificarsi con forti urla e persino tosse. Spesso, i vasi negli occhi scoppiano nelle donne durante il parto..

Un esercizio fisico eccessivo può causare emorragie agli occhi. Questa patologia è spesso osservata negli atleti..

Diagnostica

Inizialmente, il medico esamina il paziente. Se il danno vascolare è grave. Quindi un coagulo di sangue è chiaramente visibile sull'occhio. Con l'aiuto di un oftalmoscopio, il medico deve esaminare il fondo dell'occhio. Quindi il paziente esegue un esame del sangue. Questo tipo di ricerca spesso aiuta a determinare quale fosse la causa principale della patologia..

Metodi di trattamento

Il regime di trattamento dipende da quanto è estesa l'emorragia e dalla posizione del processo patologico. Il trattamento può essere medico e chirurgico, nei casi lievi è consentito utilizzare ricette popolari comprovate.

Trattamento farmacologico

Nei casi lievi, il trattamento è limitato ai farmaci. Al paziente vengono prescritti agenti vaso-rinforzanti ed emostatici. Vitamine K e C. prescritte che aiutano a rafforzare le pareti dei vasi sanguigni. Al paziente possono essere prescritti colliri Ascorutin e Emoxipin.

Con un sanguinamento moderato, che è completamente estraneo alle malattie sistemiche, al paziente viene mostrato il riposo visivo. Vale la pena rinunciare all'attività fisica. Si consiglia di chiudere gli occhi più volte al giorno e di sedersi per diversi minuti, questo contribuisce alla naturale sedimentazione del sangue.

È necessario monitorare l'igiene degli organi visivi, è inaccettabile strofinarli con le mani. Se possibile, non dovresti trovarti in luoghi molto polverosi in modo che le particelle di sporco non cadano sulla mucosa.

Se l'emorragia è accompagnata da forte dolore e disagio, al paziente vengono prescritti antidolorifici e farmaci antinfiammatori. In alcuni casi, è consigliabile prescrivere antibiotici locali e sistemici..

Se il paziente osserva tutte le raccomandazioni del medico, la vista normale viene ripristinata in circa un mese..

Intervento chirurgico

Con una forma grave di emorragia retinica, è indicato un intervento chirurgico: vitrectomia. Durante l'operazione, i coaguli di sangue e le aree colpite del corpo vitreo vengono rimossi dall'occhio. La vista viene ripristinata dopo 3-4 settimane, ma se il danno ai tessuti era grave, l'acuità visiva può rimanere molto bassa.

Dopo l'operazione, il paziente trascorre diversi giorni in ospedale. In questo momento, le medicazioni vengono cambiate regolarmente e gli occhi vengono trattati con composti antisettici..

Dopo l'intervento chirurgico, al paziente vengono prescritti antibiotici sistemici per la profilassi. L'oftalmologo prescrive anche colliri, che accelerano la rigenerazione dei tessuti dell'organo ottico..

Metodi tradizionali

Il trattamento può essere completato da una serie di metodi alternativi. È particolarmente consigliabile per danni ai tessuti minori:

  1. Prepara lozioni con un decotto concentrato di camomilla medicinale. A causa di ciò, l'infiammazione viene eliminata e la circolazione sanguigna nei tessuti dell'occhio migliora. Prepara l'erba al ritmo di un cucchiaio per bicchiere d'acqua.
  2. Il succo viene spremuto dalla foglia di aloe e diluito a metà con acqua bollita. la composizione risultante viene gocciolata nell'occhio interessato, tre volte al giorno, 1 goccia.
  3. Macina due cucchiai di bacche di rosa selvatica, versale in un thermos e versa mezzo litro d'acqua. La composizione viene insistita per 2 ore, dopodiché viene filtrata. Bere mezzo bicchiere di brodo 4 volte al giorno.

L'uso di eventuali ricette popolari deve essere concordato con il medico curante. Non sciacquare o seppellire gli occhi in caso di gravi danni ai tessuti dell'organo ottico.

Complicazioni con emorragia retinica

Se un'emorragia negli occhi non viene trattata o le raccomandazioni del medico non vengono seguite, è possibile affrontare una serie di gravi complicazioni:

  • Infiammazione dei vasi sanguigni dell'occhio;
  • Aumento della pressione intraoculare;
  • Sviluppo della cataratta.

La complicazione più pericolosa è il distacco della retina. Questo può portare a una significativa compromissione della vista o alla completa cecità..

Quando hai bisogno di vedere un medico con urgenza

In alcuni casi, non dovresti posticipare una visita a un oftalmologo. Poiché prima viene fornito aiuto, maggiori sono le possibilità di mantenere la vista:

  1. Se si osservano contemporaneamente coaguli di sangue in due occhi.
  2. Nei casi in cui la vista si è deteriorata bruscamente in uno o entrambi gli occhi.
  3. Con grave visione offuscata.
  4. Se c'è un forte dolore e il movimento del bulbo oculare è gravemente limitato.
  5. Se l'emorragia nell'organo ottico è dovuta a un trauma.

Vale la pena consultare un medico anche se devi assumere costantemente fluidificanti del sangue.

In caso di sanguinamento negli occhi, le lenti a contatto non devono essere indossate fino al completo recupero. Inoltre, è vietato utilizzare gocce senza prescrizione medica e strofinare gli occhi con le mani. Tutto ciò può portare a un peggioramento della condizione..

Raccomandazioni preventive

Per mantenere una buona vista. È necessario seguire queste raccomandazioni:

  • È necessario proteggere gli occhi da lesioni. Per qualsiasi danno, consultare immediatamente un medico. Vale la pena ricordare che anche un granello rimosso in modo errato può causare sanguinamento negli occhi;
  • Se ci sono malattie vascolari croniche, è necessario sottoporsi a un trattamento preventivo più volte all'anno;
  • Le persone con diabete dovrebbero sottoporsi a controlli regolari con un oftalmologo. Questa categoria di pazienti è particolarmente soggetta a varie malattie degli organi visivi;
  • Le persone con vasi sanguigni deboli dovrebbero evitare brusche inclinazioni della testa e uno sforzo fisico eccessivo..

Per evitare problemi di vista, è necessario rafforzare il sistema immunitario. Per fare questo, puoi indurirti, camminare molto all'aria aperta e assumere vitamine. Si consiglia di fare esercizi mattutini, che aiutano ad aumentare la vitalità del corpo..

Con vasi deboli, i medici consigliano di assumere acido ascorbico nei corsi e di includere cibi ricchi di vitamina K nella dieta..

In caso di sanguinamento negli occhi, dovresti assolutamente vedere un oftalmologo. Solo un medico può determinare la gravità della situazione e prescrivere il trattamento necessario. Dovrebbe essere chiaro che un sanguinamento esteso negli organi visivi può portare alla completa perdita della vista. Prima si inizia il trattamento, maggiori sono le possibilità di mantenere una visione completa..

Per Maggiori Informazioni Su Emicrania