Cos'è l'emianopsia omonima controlaterale

L'emianopsia bilaterale è una malattia neurologica caratterizzata da cecità bilaterale nella metà dei campi visivi. L'emianopsia del tractus (dalla parola "via") è causata da un danno alle vie ottiche e l'emianopsia centrale si sviluppa quando le regioni corticali responsabili della percezione visiva sono danneggiate. In altre parole, l'emianopsia è la perdita di metà della vista visibile a sinistra oa destra, ma sempre in entrambi gli occhi..

I danni al tratto ottico di solito provocano la morte dei nervi ottici. Con un'origine centrale della malattia, i nervi ottici non si atrofizzano e continuano a funzionare.

La perdita del campo visivo per origine è suddivisa in acquisita e congenita. La variante congenita si verifica quando lo sviluppo del sistema nervoso centrale è compromesso durante il periodo di maturazione fetale intrauterina. Quasi sempre combinato con altri difetti del sistema nervoso e raramente si verifica come patologia isolata. La variante acquisita si sviluppa principalmente nelle persone la cui età è in media da 30 a 50 anni. Più comune nelle donne.

Cause

L'emianopsia si verifica quando il tratto ottico, la corteccia o le regioni sottocorticali sono danneggiate. Quindi ne consegue che è necessario cercare la natura del danno al sistema visivo..

  1. Patologia della circolazione sanguigna del cervello sullo sfondo del blocco delle arterie da aterosclerosi o ipertensione arteriosa. Portano a un'acuta carenza di sangue nei vasi, a causa della quale parti del cervello muoiono per mancanza di ossigeno e sostanze nutritive. Il tipo di patologia dei campi visivi è causato dalla pozza e dall'area del cervello in cui il flusso sanguigno è disturbato. La vista è spesso compromessa quando l'afflusso di sangue all'arteria cerebrale posteriore, che fornisce sangue alla corteccia occipitale e parietale, è ridotto. Con un ictus o un aneurisma, la pressione intracranica aumenta e viene provocata un'emorragia nel tessuto cerebrale, le vie visive sono danneggiate.
  2. Infiammazione delle meningi e del parenchima cerebrale. L'infiammazione delle membrane, se localizzata principalmente nelle strutture sottocorticali, comprime le parti del cervello e provoca una compressione meccanica. Danneggia la conduzione degli impulsi nervosi..
  3. Processi volumetrici nel cranio: tumore, cisti, accumulo purulento.
  4. Fattore iatrogeno. Durante la chirurgia del SNC, un neurochirurgo può danneggiare accidentalmente le vie visive.
  5. Difetti congeniti del sistema nervoso centrale, accompagnati da una grave violazione di parti del cervello o sindrome ipertensiva: idropisia, microcefalia, encefalocele o displasia dei tessuti del cervello finale.

Un caso particolare di perdita di campo, ad esempio l'omonima emianopsia a sinistra, è determinato dall'area del danno cerebrale.

Varietà

Esistono diversi tipi di malattie neurologiche:

Emianopsia omonima (emianopsia con lo stesso nome)

L'emianopsia unilaterale è una perdita della vista incompleta. È caratterizzato dalla perdita di campi a destra oa sinistra. L'emianopsia omonima si verifica quando le strutture del sistema nervoso centrale sono danneggiate da infezione, ictus o trauma meccanico.

Caratteristiche della patologia. L'omonima variante può essere reversibile. Quindi, la cecità del lato destro o sinistro può essere un segno di aura nell'emicrania. L'aura è lo stadio precedente del mal di testa unilaterale. L'emianopsia con lo stesso nome può essere uno dei segni di un ictus. L'emianopsia controlaterale si verifica con un danno unilaterale al nervo ottico. Ad esempio, se il nervo ottico di sinistra è danneggiato, i campi visivi laterali di destra cadranno e si verificherà un'emianopsia omonima del lato destro (emianopsia destra). Se il nervo ottico destro è danneggiato, ci sarà un'emianopsia omonima del lato sinistro. Con la lesione completa del corpo genicolato laterale, si verifica un'emianopsia unilaterale completa.

Emianopsia eteronima bitemporale

Espandendo ogni parola, puoi capire il termine. "B" è due, "temporale" è il lato delle tempie della testa. La patologia si manifesta con la scomparsa di entrambi i campi visivi dal lato delle tempie. L'emianopsia bitemporale si osserva quando il percorso ottico è danneggiato nell'area in cui si intersecano i nervi ottici..

L'emianopsia eteronima si verifica quando i nervi ottici sono danneggiati, il che è più spesso causato da un tumore. Spesso si tratta di neoplasie nella o sopra la ghiandola pituitaria. L'emianopsia temporale è spesso un sintomo di adenoma ipofisario.

Emianopsia binasale

Bi è due, cioè su entrambi i lati, nasale, ovvero il naso. La patologia è caratterizzata dalla perdita bilaterale dei campi visivi nella parte nasale del viso. L'emianopsia binasale si verifica quando il tratto ottico e le strutture cerebrali sono danneggiate. Inoltre, l'emianopsia binasale si verifica quando il sistema nervoso centrale è danneggiato sullo sfondo dell'idropisia cerebrale.

Emianopsia del quadrante superiore

A differenza dei precedenti tipi di perdita del campo visivo, questa emianopsia del quadrante è caratterizzata dalla perdita della metà superiore della vista. L'emianopsia superiore si sviluppa a causa di danni al tratto ottico ventrale.

Emianopsia del quadrante inferiore

È caratterizzato dalla perdita della parte inferiore della vista su entrambi i lati. L'emianopsia omonima del quadrante inferiore si verifica quando la regione posteriore del tratto ottico o la corteccia parietale è danneggiata. Quindi, con un danno alla corteccia parietale, si verifica un'emianopsia completa.

Quadro clinico

I pazienti che soffrono di patologia spesso affrontano disagi quotidiani. Un difetto visivo impedisce a una persona di vedere oggetti nel campo visivo abbassato. Per i pazienti, fenomeni ordinari, come l'attraversamento di una strada, si trasformano in un pericolo: una persona non può vedere un'auto in avvicinamento. Si sconsiglia alle persone di guidare qualsiasi veicolo, poiché vi è il rischio di emergenze.

I campi visivi interrotti non consentono nemmeno di vedere il cibo nella seconda metà del piatto, sorgono difficoltà durante la lettura, poiché l'altra metà della pagina del libro non è visibile. La lettura si trasforma in agonia per le persone: le persone devono fare più movimenti oculari.

Il disturbo neurologico è accompagnato da allucinazioni visive elementari. Le fotopsie sono la percezione di fenomeni e oggetti brutti inesistenti, ad esempio un punto apparso improvvisamente, lampi, fulmini o luci. Spesso, le allucinazioni visive elementari nell'emianopsia si verificano dopo un ictus recente.

La vita quotidiana e le cose elementari della casa causano disagio psicologico nei pazienti: le loro azioni dall'esterno sembrano ridicole, sciatte. Alcuni pazienti sviluppano depressione e altri disturbi nevrotici. A causa della perdita del campo visivo e della sensazione di incapacità, alcuni pazienti si ritirano dalla vita sociale, preferendo trascorrere del tempo da soli.

Per i pazienti con emianopsia, la gamma di possibili specialità è limitata. Pertanto, tali pazienti non possono trasportare passeggeri o lavorare in luoghi in cui è richiesta la valutazione esterna di oggetti, ad esempio in ingegneria o costruzione..

Il quadro clinico della disabilità visiva, oltre alle fotopsie, è integrato dall'agnosia. È un disturbo neurologico caratterizzato da un riconoscimento alterato degli oggetti attraverso il canale visivo. I pazienti hanno spesso prosopagnosia, un disturbo nel riconoscere volti familiari. Alcuni pazienti hanno la sindrome di Anton-Babinsky: le persone negano la presenza della loro patologia.

L'emianopsia congenita è spesso associata a difetti nello sviluppo delle regioni sottocorticali e corticali del cervello: il talamo, il tronco cerebrale e la corteccia parietale. Pertanto, il quadro clinico è completato dalle seguenti patologie:

  1. Le parestesie sono sensazioni perverse. Quindi, i pazienti spesso soffrono di formicolio della pelle, si lamentano di mosche volanti davanti ai loro occhi.
  2. Violazione della sensibilità profonda. I pazienti hanno dolore e percezione tattile alterati.

Classificazione

Secondo l'argomento della sconfitta, succede:

  1. Emianopsia di Tractus. Si sviluppa a seguito di danni alle vie visive. È caratterizzato da atrofia dei nervi ottici, mancanza di risposta pupillare alla luce e asimmetria della perdita del campo visivo.
  2. Emianopsia centrale. Si sviluppa quando le parti centrali del cervello sono danneggiate. La patologia non è accompagnata da atrofia dei nervi ottici, no, continuano a rispondere allo stimolo luminoso. La variante centrale è accompagnata da una perdita simmetrica dei campi visivi.

Come viene rilevata la malattia

La diagnosi di disabilità visiva viene effettuata esaminando i campi visivi. Lo scopo del metodo espresso è identificare le patologie di campo. Nella pratica neurologica viene utilizzato uno speciale martello manuale. Il neurologo si siede davanti alla persona e gli chiede di chiudere un occhio con il palmo della mano. Lo sguardo dell'occhio aperto è fisso sul naso del medico. Il medico sposta lentamente lo strumento da dietro la testa del paziente dalla periferia al centro su tutti i lati. Il paziente deve essere informato subito quando vede il martello.

Tra i metodi strumentali, la perimetria ha il maggior valore diagnostico. La procedura viene eseguita utilizzando il perimetro. Come risultato della procedura, il medico riceve informazioni sui confini dei campi visivi per entrambi gli occhi. Vengono rilevati anche altri difetti visivi. Viene utilizzata anche la campimetria del computer. Rileva i disturbi del colore in varie aree della retina e aiuta a stabilire il livello di disturbo.

Per identificare la causa della violazione, viene utilizzata la diagnostica computerizzata e ad ultrasuoni: risonanza magnetica e computerizzata, ecografia Doppler ad ultrasuoni dei vasi cerebrali. La diagnostica del computer aiuta nella scelta delle tattiche di trattamento, in quanto consente di visualizzare il focus di emorragia, tumore o ascesso.

Trattamento

Principi di trattamento per l'emianopsia:

  1. Trattamento eziologico volto ad eliminare la causa. La terapia dipende dalla causa identificata. Ad esempio, se la diagnostica del computer ha rivelato un focus ischemico, vengono prescritti farmaci che eliminano l'ipossia e l'ischemia cerebrale. Se si tratta di una malattia oncologica, viene prescritta la chemioterapia o la chirurgia.
  2. Recupero socio-psicologico. I pazienti sono addestrati a leggere e lavorare con il testo. Vengono aiutati ad aumentare il raggio di movimento con i loro occhi in modo che un'intera linea sulla pagina sia visibile..

Se la causa non può essere eliminata, vengono applicati metodi di riabilitazione. Si consiglia al paziente di utilizzare occhiali con specchietti incorporati per compensare la mancanza di vista.

L'emianopsia non riduce l'aspettativa di vita, ma può ridurne la qualità e il livello. La prognosi della capacità lavorativa è determinata dall'eziologia e dal tipo di anopsia. Quindi, se la malattia è stata rilevata immediatamente dopo una situazione traumatica, ad esempio dopo una commozione cerebrale, e ha subito subito il trattamento, la persona si riprende completamente.

Emianopsia: tipi, farmaci efficaci

Tutti i contenuti iLive vengono esaminati da esperti medici per garantire che siano il più accurati e concreti possibile.

Abbiamo linee guida rigorose per la selezione delle fonti di informazione e ci colleghiamo solo a siti Web affidabili, istituti di ricerca accademica e, ove possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi.

Se ritieni che uno dei nostri contenuti sia inaccurato, obsoleto o altrimenti discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

  • Codice ICD-10
  • Epidemiologia
  • Cause
  • Fattori di rischio
  • Patogenesi
  • Sintomi
  • Forme
  • Complicazioni e conseguenze
  • Diagnostica
  • Diagnosi differenziale
  • Trattamento
  • Chi contattare?
  • Prevenzione
  • Previsione

La menomazione visiva che si verifica a seguito di danni all'innervazione visiva o danni strutturali al cervello è chiamata "emianopsia". Questo disturbo è sia congenito che acquisito ed è una perdita bilaterale della vista nella quarta o seconda parte del campo visivo..

Codice ICD-10

Epidemiologia

L'emianopsia può essere congenita o acquisita. La forma acquisita è il risultato di danni a varie strutture cerebrali. La forma congenita si sviluppa spesso in presenza di altre patologie del sistema nervoso centrale (l'emianopsia con decorso isolato è una malattia estremamente rara).

Nella stragrande maggioranza dei casi di emianopsia, il disturbo si trova nel lobo cerebrale occipitale, un po 'meno spesso nei lobi parietale e temporale, e molto raramente nell'apparato visivo e nel corpo genicolato laterale..

La forma acquisita è più spesso diagnosticata nelle pazienti di sesso femminile.

L'emianopsia può verificarsi in persone di qualsiasi età, ma il più delle volte la diagnosi viene fatta all'età di 30-50 anni.

Cause di emianopsia

Le ragioni per lo sviluppo dell'emianopsia possono essere congenite o acquisite.

L'emianopsia congenita si sviluppa sullo sfondo di vari fallimenti nello sviluppo intrauterino del feto o come risultato di anomalie nel corso della gravidanza - ad esempio, con grave carenza di ossigeno, con virus o batteri, con patologia organica del sistema nervoso centrale, ecc..

La forma acquisita della malattia può svilupparsi come risultato di tali processi dolorosi:

  • meningite basale;
  • infiammazione infettiva sotto forma di meningoencefalite, encefalite;
  • infiammazione purulenta, ascesso cerebrale;
  • aneurismi arteriosi;
  • disturbo del flusso sanguigno nel cervello dopo un danno meccanico (trauma, lesione, commozione cerebrale);
  • oncologia che colpisce la ghiandola pituitaria, i lobi posteriori, frontali e temporali del cervello;
  • malattia ipertonica;
  • ipertensione intracranica;
  • aumento della formazione di trombi nei vasi retinici;
  • danno alla guaina mielinica dei nervi;
  • violazione del trofismo, estremo esaurimento del corpo.

L'emianopsia non rifiuta le cause di natura vascolare, piuttosto il contrario: lo stato dei vasi cerebrali influisce direttamente sullo sviluppo della patologia visiva.

Ad esempio, l'emianopsia si verifica spesso con un ictus: se il trattamento viene avviato in modo tempestivo, questo disturbo nel periodo post-ictus è transitorio..

Fattori di rischio

I principali fattori di rischio per lo sviluppo dell'emianopsia sono condizioni che portano a un flusso sanguigno alterato nei tessuti del cervello, nonché processi tumorali intracranici, traumi e lesioni del cranio, processi infiammatori purulenti, aneurismi alla base del cervello.

Patogenesi

Si ritiene che il fattore più comune nello sviluppo dell'emianopsia siano le neoplasie che insorgono nell'area della sella turcica, così come gli aneurismi vascolari del circolo di Willis, TBI, infiammazione optochiasmale della membrana aracnoidea.

Il sistema visivo è danneggiato da craniofaringiomi, neoplasie della ghiandola pituitaria, processi tumorali nel lobo temporale, aneurismi. Il neurone centrale del percorso della vista ei centri corticali della vista sono interessati da neoplasie nei lobi cerebrali temporali o occipitali, TBI, aneurismi.

L'emianopsia si sviluppa a seguito di disturbi organici delle strutture cerebrali responsabili della vista. Questa è considerata la principale manifestazione topografica e diagnostica del danno al percorso visivo nei suoi vari punti e principalmente nel cervello..

Sintomi di emianopsia

L'emianopsia si rivela come un fallimento della funzione visiva, che è accompagnato da:

  • dolore alla testa;
  • semi-svenimento e svenimento;
  • maggiore sensibilità agli stimoli luminosi;
  • parestesie agli arti.

I primi segni dipendono dalla causa della comparsa dell'emianopsia. Ad esempio, la "perdita" di alcune aree del campo visivo può manifestarsi in modi diversi. Quindi, le metà esterne dell'immagine visibile, o quelle interne, ecc. Possono scomparire. Tali caratteristiche della sintomatologia si riflettono nella classificazione dell'emianopsia.

Scotomi ed emianopsie

Parlando di bestiame, intendono la zona scura nel campo visivo. Questa zona è diversa: sotto forma di cerchio, ovale, triangolo. Si forma in qualsiasi parte del campo visivo e non ha nulla a che fare con i suoi contorni..

Lo scotoma non si manifesta sempre allo stesso modo, pertanto si distinguono i seguenti tipi:

  • aspetto positivo - spiegato dai pazienti come un granello scuro che si verifica quando c'è un danno al corpo vitreo;
  • aspetto negativo - appare come risultato di un danno nel percorso della vista, è praticamente invisibile per il paziente stesso;
  • aspetto tremolante - spiegato dai pazienti come sfarfallio del contorno che si manifesta sullo sfondo dell'emicrania.

Gli scotomi possono verificarsi su un lato o su entrambi i lati. Il loro aspetto è associato principalmente ai seguenti motivi:

  • neoplasie ipofisarie;
  • danno al rivestimento mielinico dei neuroni;
  • ipertensione persistente;
  • lo stato di preeclampsia durante la gravidanza;
  • intossicazione prolungata;
  • grave esaurimento del corpo;
  • emicranie gravi e frequenti;
  • aumento dell'ICP;
  • formazione di trombi dei vasi retinici.

Gli scotomi vengono spesso notati dal paziente stesso, quindi la malattia viene rilevata proprio all'inizio del suo sviluppo. Un'apparenza tremolante di patologia nelle persone anziane può indicare la probabilità di un ictus imminente..

Forme

Una patologia come l'emianopsia può procedere in diversi modi. Per questo motivo, si distinguono diversi tipi di questa malattia..

  • L'emianopsia omonima è una perdita simmetrica di un paio di metà sinistra o di una coppia di metà destra del campo visivo. Ad esempio, il paziente è in grado di vedere solo la metà interna dell'occhio sinistro e la metà esterna dell'occhio destro o viceversa. Metà significa parte dell'immagine visiva.
  • L'emianopsia eteronima è la perdita di un paio di metà esterne o di una coppia di metà interne del campo visivo. Molto spesso, le cause di questo fenomeno sono i cambiamenti patologici nella corteccia cerebrale del lobo occipitale..
  • L'emianopsia bitemporale è un tipo di malattia eteronimo con la perdita di un paio di metà esterne del campo visivo.
  • L'emianopsia del lato destro è una sorta di tipo omonimo, quando il paziente sente solo la metà destra del campo visivo. In questo caso, la linea di confine di separazione delle metà percepita e persa coincide con il meridiano verticale centrale.
  • L'emianopsia del lato sinistro è un disturbo omonimo, l'opposto dell'emianopsia del lato destro. In questo caso, il paziente sente solo la metà sinistra del campo visivo.
  • L'emianopsia binasale è un tipo di malattia eteronimo in cui scompaiono un paio di metà interne (nasali) del campo visivo.
  • L'emianopsia controlaterale appartiene al tipo omonimo e viene diagnosticata quando la corteccia occipitale è interessata. Questo è spesso il risultato di un ictus. In alcuni casi, tale violazione è transitoria..
  • Il campo visivo è convenzionalmente suddiviso in quadranti per comodità di una descrizione diagnostica della malattia. Il termine "emianopsia quadrante" descrive accuratamente la localizzazione di una macchia scura che interferisce con la percezione visiva. A seconda del settore (quadrante) in cui si trova lo spot, viene fatta una distinzione tra emianopsia del quadrante inferiore e del quadrante inferiore..
  • L'emianopsia del quadrante inferiore è caratterizzata da una lesione dell'area della corteccia cerebrale, con la localizzazione superiore rispetto al solco.
  • L'emianopsia del quadrante superiore si sviluppa quando c'è una lesione della zona della corteccia cerebrale, con localizzazione inferiore rispetto al solco speronato della regione temporo-occipitale.
  • L'emianopsia parziale è una perdita incompleta del campo visivo, su cui compaiono macchie di varie dimensioni. Di norma, l'emianopsia parziale si osserva nella fase iniziale dello sviluppo della patologia.
  • L'emianopsia bilaterale, altrimenti chiamata bilaterale, è caratterizzata dalla localizzazione della disabilità visiva in due metà del campo visivo.
  • L'emianopsia da tractus è un tipo di malattia omonimo in cui il focus patologico interrompe l'arco del riflesso pupillare durante la diagnosi. In questo caso, diagnostica significa determinare la risposta degli alunni a uno stimolo luminoso.

Complicazioni e conseguenze

Se non ti occupi del trattamento dell'emianopsia, non esegui misure generali o sintomatiche o tratti la malattia in modo errato, la patologia progredirà gradualmente. La vista si deteriorerà, l'immagine visiva diminuirà di dimensioni.

I risultati più comuni di emianopsia non trattata sono i processi atrofici del nervo ottico, un aumento delle dimensioni del punto "cieco", fino alla completa perdita della funzione visiva.

Diagnosi di emianopsia

Le misure diagnostiche per determinare l'emianopsia includono procedure che valutano la qualità della funzione visiva, l'ampiezza del campo visivo. Se l'emianopsia è appena entrata nella prima fase dello sviluppo, non è sempre possibile rilevarla. Il fatto è che nella fase iniziale non ci sono cambiamenti patologici nel fondo e i primi segni compaiono circa un anno dopo l'inizio del processo doloroso.

I test in laboratorio possono essere prescritti solo per chiarire lo stato generale di salute, per valutare le prestazioni del fegato e dei reni, nonché il quadro ematico.

La diagnostica strumentale può includere:

  • tomografia computerizzata;
  • radiografia;
  • angiografia carotidea;
  • Ultrasuoni;
  • MRI del cervello.

Se viene rilevato un processo tumorale, il medico può raccomandare di eseguire un'analisi per il contenuto di alcuni ormoni nel sangue..

Inoltre, è possibile eseguire uno speciale test diagnostico, costituito dai seguenti passaggi:

  • Medico e paziente si trovano faccia a faccia, a circa un metro di distanza.
  • Sia il medico che il paziente hanno un occhio coperto da una spessa benda.
  • Il paziente dirige il suo sguardo ad occhio nudo del medico.
  • Il medico muove il dito ad uguale distanza dal paziente e da se stesso, partendo dalla periferia verso il centro. Nel momento in cui il paziente vede un dito nel campo visivo, ne parla al medico.
  • Normalmente, i parametri del test visivo del medico e del paziente dovrebbero corrispondere. Se c'è una discrepanza negli indicatori, una violazione della funzione visiva nel paziente.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale dell'emianopsia viene effettuata con patologie come la neuropatia ischemica, il glaucoma e le malattie della retina. Per chiarire le malattie, vengono effettuati i seguenti studi:

  • vasometria;
  • oftalmoscopia;
  • studi tomografici, dopplerografia.

In alcuni casi, potrebbe essere necessario consultare un neuropatologo, neurochirurgo.

Chi contattare?

Trattamento di emianopsia

Per eliminare l'emianopsia e correggere il campo visivo, è necessario eliminare completamente la causa della patologia. Se ciò non viene fatto, sarà impossibile curare l'emianopsia e in futuro la progressione della malattia porterà alla completa cecità. Ad esempio, per le patologie neurologiche, può essere prescritto un trattamento chirurgico, terapia con farmaci chemioterapici: la scelta del trattamento dipende dal tipo e dall'incuria del problema..

I farmaci per l'emianopsia non vengono praticamente utilizzati, poiché non vi sono dinamiche positive con il trattamento conservativo. Tuttavia, ci sono una serie di farmaci che vengono utilizzati per migliorare la qualità della vita del paziente. Tali farmaci, ad esempio, includono:

  • Sumatriptan - usato per alleviare attacchi acuti di mal di testa ed emicrania, 1 compressa durante un attacco. Non puoi assumere più di 2-3 compresse al giorno. Effetti collaterali: allergie, pressione sanguigna bassa, dolore toracico e addominale.
  • Memoplant viene utilizzato per i disturbi visivi di origine vascolare, 1 compressa tre volte al giorno con il cibo. La durata approssimativa dell'ammissione è di 12 settimane. Effetti collaterali: nausea, allergie, instabilità delle feci.
  • Cerebrolysin - è prescritto per patologie organiche del cervello, per complicazioni post-ictus, lesioni cerebrali traumatiche. Il farmaco viene somministrato per iniezione: fino a 5 ml sotto forma di iniezioni intramuscolari e fino a 10-50 ml sotto forma di iniezioni endovenose. Tra gli effetti collaterali: raramente - tachicardia, dolore al sito di iniezione.
  • Cerebroton - usato per l'emianopsia della genesi vascolare, 1-2 compresse tre volte al giorno, indipendentemente dall'assunzione di cibo. La durata dell'ammissione è di 1,5-2 mesi. Effetti collaterali rari: nausea, allergie.

Vitamine

Con una dieta varia e nutriente, non è necessario assumere preparazioni vitaminiche aggiuntive. In altri casi, il medico può prescrivere complessi vitaminici speciali, in aggiunta al trattamento principale per l'emianopsia..

Molto spesso, i seguenti preparati vitaminici sono raccomandati per l'emianopsia:

  • Complesso di luteina: prendi una compressa 1-3 volte al giorno.
  • Optix è un preparato complesso vitaminico e minerale, assunto in una compressa al giorno per 3 mesi.
  • Vitamine Doppelgerz per occhi con luteina: consentono di ripristinare la circolazione sanguigna e migliorare la qualità della funzione visiva. Prendi ogni giorno per molto tempo.
  • Focus forte: applicato quotidianamente per uno e mezzo o due mesi.

Le vitamine vengono utilizzate solo sullo sfondo della terapia principale per l'emianopsia e devono essere assunte sistematicamente, per molto tempo..

Trattamento fisioterapico

Fisioterapia e balneoterapia sono prima di tutto adatte a pazienti in cui l'emianopsia è una conseguenza del disturbo ischemico. In caso di disturbi transitori durante periodi di remissione, galvanizzazione generale, collare galvanico, induttotermia, diatermia prolungata della zona del rene e della caviglia, nonché UHF sulla zona del piede o del plesso solare, sono prescritte l'elettroforesi con il metodo Vermel.

I pazienti con emianopsia sullo sfondo dell'ipertensione vengono utilizzati Ca-elettroforesi nell'area del seno carotideo o un ciclo di bagni di radon. È meglio eseguire le procedure proposte a giorni alterni e il radon può essere sostituito con bagni di pino.

I pazienti in cui l'emianopsia era il risultato di disturbi circolatori dinamici possono utilizzare bagni di idrogeno solforato contemporaneamente all'ossigenoterapia, nonché alla terapia fisica.

Le controindicazioni alla nomina della fisioterapia per l'emianopsia sono malattie del sistema cardiovascolare (infarto, angina pectoris), disturbi circolatori nel cervello associati all'aneurisma o al terzo stadio dell'ipertensione.

Trattamento alternativo

  • Al fine di stabilizzare la pressione sanguigna e sbloccare i vasi sanguigni con emianopsia, viene utilizzato un tale rimedio. Lavate e macinate in un tritacarne due arance e limoni, insieme alla buccia. Alla massa risultante aggiungi 2 cucchiai. l. miele e conservare il medicinale per 24 ore a temperatura ambiente normale. Successivamente, la massa viene versata in un contenitore di vetro e posta in frigorifero, prendendo 1 cucchiaio. l. tre volte al giorno. La durata di tale trattamento non è limitata. Puoi bere il prodotto con tè caldo non zuccherato.
  • Un altro rimedio popolare viene utilizzato anche per l'emianopsia. Macinare cinque spicchi d'aglio, aggiungere lo stesso volume di purè di rafano, versare la massa con olio di girasole scuro. La massa viene posta in frigorifero e presa ogni giorno per 1 cucchiaino. contemporaneamente con l'assunzione di 1 cucchiaino. succo di limone, tre volte al giorno. Il corso di ammissione può durare dalle 4 alle 12 settimane, il prestito dovrebbe essere sospeso per un mese.
  • Un buon effetto in emianopsia si ottiene con il trattamento della tintura dei baffi d'oro. Per preparare la tintura si tagliano 35 "giunture" dei baffi d'oro, si schiacciano, si mettono a bagno per due settimane in alcool medico, si filtra. Consumare 1 dec. l. tinture insieme a 1 cucchiaio. l. olio di girasole scuro. Il medicinale viene assunto 20 minuti prima dei pasti, tre volte al giorno. Il corso di ammissione è di 10 giorni, dopodiché è necessario fare una pausa di 5 giorni. Quindi - di nuovo un corso di 10 giorni, ma la prossima pausa dovrebbe essere già di 10 giorni. Quindi alterna tra cinque e dieci giorni di pausa fino a quando il medicinale non si esaurisce..

Trattamento a base di erbe

  • La tintura di biancospino viene presa per un mese, 25 gocce al giorno. Quindi dovresti fare una pausa per 2 settimane, dopodiché il corso può essere ripreso.
  • Preparare un decotto di 10 foglie di seta e 500 ml di acqua bollente. Tenere a fuoco basso per 2 minuti, quindi insistere per 20-30 minuti. Bevi tutti i giorni invece del tè. Il corso può durare dai 3 ai 4 mesi. Il gelso aiuta a stabilizzare la pressione sanguigna e normalizza i vasi sanguigni.
  • Raccogliere 12 coni medi in una pineta, lavarli, macinare e versare 500 ml di buona vodka, lasciare agire per 2 settimane. Prendi 1 cucchiaino. con tè caldo. Il corso della terapia dura 7 giorni, dopo di che fanno una pausa per un mese.
  • Preparare una miscela di 10 g di melissa, 10 g di Veronica, 30 g di foglie di fragola, 40 g di biancospino o frutti di bosco. Prendi 1 cucchiaio. l. la materia prima risultante e versare 300 ml di acqua bollente. Filtrano e bevono al posto del tè ogni giorno, finché non si sentono meglio. È consentito aggiungere miele a una bevanda calda.

Omeopatia

La decisione di utilizzare farmaci omeopatici per l'emianopsia dovrebbe essere concordata con il medico, dopo uno studio approfondito del quadro clinico, conducendo studi diagnostici chiarificatori. A seconda della causa, possono essere raccomandati i seguenti rimedi omeopatici:

  • Aurum iodio, bario carbonico: migliora la circolazione sanguigna nel cervello;
  • Conium: normalizza il tono vascolare, è particolarmente rilevante nel periodo post-ictus;
  • Crategus, Arnika - hanno un effetto positivo sulla circolazione cerebrale;
  • Ignatia amara - aiuterà con l'emianopsia che si verifica con mal di testa e ipertensione;
  • Cactus grandiflorus, Opium - stabilizzare la pressione sanguigna nell'ipertensione;
  • Staphysagria: migliora il tono vascolare, normalizza la pressione sanguigna.

Un enorme vantaggio dell'omeopatia è l'assenza di effetti collaterali durante il trattamento. Tuttavia, gli esperti non forniscono raccomandazioni generali sui dosaggi: la dose viene impostata individualmente, a seconda delle caratteristiche della malattia e della costituzione del paziente..

Chirurgia

Il trattamento chirurgico per l'emianopsia è indicato se il cancro è la causa. Rimozione del tumore, così come chemioterapia e radioterapia.

L'emianopsia associata a lesione cerebrale traumatica può anche richiedere un intervento chirurgico, che di solito consiste nella rimozione di ematomi, sutura di tessuti danneggiati e vasi sanguigni.

Prevenzione

L'emianopsia è una malattia insidiosa. E, prima di tutto, nel senso che è quasi impossibile rilevare l'emianopsia nella fase iniziale dello sviluppo. Per proteggersi dai guai, è consigliabile essere esaminati annualmente da un oftalmologo.

Inoltre, dovresti prestare attenzione a una serie di misure preventive:

  • È importante osservare le precauzioni di sicurezza nella produzione, durante lo sforzo fisico, durante la guida di un'auto e in tutti gli altri casi in cui vi è un aumentato rischio di lesioni alla testa.
  • Se ci sono segni di un processo tumorale nel cervello (convulsioni, disturbi vestibolari, strabismo), devi assolutamente contattare un neurologo e passare attraverso tutte le fasi della diagnosi.
  • In estate, è necessario prendere misure preventive per i morsi di zecca dell'encefalite.
  • In qualsiasi periodo dell'anno è necessario prevenire la comparsa di patologie infettive, per rafforzare le difese immunitarie.

Previsione

È possibile il ripristino di un'immagine visiva completa, ma la probabilità di un risultato così positivo dipende da molte ragioni:

  • sulla complessità della patologia che ha portato allo sviluppo dell'emianopsia;
  • dal trattamento prescritto;
  • dalla durata del disturbo visivo;
  • dallo stadio del processo patologico;
  • sull'età e sulla salute generale del paziente.

Di norma, il recupero si verifica entro sei mesi dall'inizio del trattamento o non si verifica affatto. Se la malattia è iniziata o il trattamento è stato iniziato in ritardo, l'emianopsia può causare una perdita parziale o totale della vista.

Emianopsia: cause e trattamento

Tipi e forme della malattia

In oftalmologia, è consuetudine distinguere tra forme omonime ed eteronime di emianopsia. Con una forma omonima o omonima, la metà destra / sinistra del campo visivo cade su ciascun occhio, con lo sviluppo, rispettivamente, di emianopsia destra / sinistra. Con una forma eteronima della malattia - dissimile, le metà temporale o nasale del campo visivo cadono su ciascun occhio, con il verificarsi di emianopsia bitemporale o binasale.

L'emianopsia può anche essere bilaterale, quando un difetto del campo visivo cattura sia la metà temporale che quella nasale in ciascun occhio. Questo tipo di malattia comprende l'emianopsia superiore e inferiore, così come il campo visivo tubulare, che non è altro che una combinazione di emianopsia omonima del lato sinistro e del lato destro, con conservazione della visione maculare.

In base alle dimensioni delle aree cieche del campo visivo, la malattia è suddivisa in emianopsia completa, parziale, quadrante (superiore / inferiore) e scotoma emianopico.

Per identificare alcuni difetti nel campo visivo, sono prescritti esami oftalmologici: campimetria e perimetria.

Cause di emianopsia

La causa più comune di lesioni del chiasma ottico sono i tumori localizzati nell'area della sella turcica (neoplasie della ghiandola pituitaria, meningiomi nell'area del tubercolo della sella turcica o delle ali dell'osso sfenoide, craniofaringiomi, gliomi del chiasma ottico), nonché anemoni del cerchio cranico dei grandi vasi lesioni cerebrali e aracnoidite optochiasmale.

Le vie ottiche possono essere influenzate da craniofaringiomi, aneurismi del circolo arterioso del cervello, tumori della ghiandola pituitaria o del lobo temporale. Quando il neurone centrale del tratto visivo o dei centri visivi corticali è danneggiato, di regola vengono rilevati traumi craniocerebrali, tumori dei lobi temporali o occipitali del cervello, aneurismi artero-venosi e disturbi circolatori nelle arterie cerebrali posteriori e medie.

L'emianopsia è una conseguenza di lesioni organiche del percorso visivo e un importante segno topografico e diagnostico della sua lesione su vari (nel cervello, incluso).

Il percorso visivo comprende due parti: periferica e centrale. La sua parte periferica inizia dallo strato di fotorecettori retinali (bastoncelli e coni) e termina nello strato di cellule gangliari del corpo genicolato laterale. Le cellule gangliari diventano per il percorso visivo, l'inizio della sua parte centrale. Allo stesso tempo, le sue fibre dopo il corpo genicolato laterale corrono lungo la capsula interna e il lobo parietale del cervello. Entra parzialmente nell'area del lobo temporale del cervello e termina nell'area del solco dello sperone del suo lobo occipitale.

La parte periferica del percorso visivo è anatomicamente divisa in tre sezioni: i nervi ottici e il chiasma ottico, nonché i tratti ottici. Le fibre della parte centrale formano luminosità visiva. Nel percorso visivo, le fibre provenienti dalle metà nasali delle retine di entrambi gli occhi si intersecano e viaggiano lungo il tratto ottico opposto. A loro volta, le fibre provenienti dalle metà temporali delle retine di entrambi gli occhi non si intersecano e vengono inviate lungo il tratto ottico omonimo.

Significato clinico e diagnostico dell'emianopsia

Il verificarsi di emianopsia bitemporale eteronima è causato da un danno alle fibre del percorso visivo, nel segmento medio del chiasma ottico (chiasma). Molto spesso, inizia come una perdita del campo visivo dei quadranti temporali superiori, quindi del temporale inferiore.

Nell'emianopsia binasale, ci sono due lesioni situate nei segmenti laterali del chiasma ottico, il luogo in cui si trovano le fibre non incrociate. Poiché le fibre appartenenti alla metà superiore della retina si trovano nella parte superiore del chiasma ottico e le fibre appartenenti alle metà inferiori, nella parte inferiore, la lesione del chiasma ottico può portare a emianopsia orizzontale - superiore o inferiore.

La lesione del chiasma ottico è necessariamente accompagnata dal verificarsi di atrofia discendente primaria dei nervi ottici. La presenza di emianopsia orizzontale è un importante segno diagnostico per stabilire il grado di danno alla via visiva, poiché può essere provocata anche da un danno alla corteccia nel lobo occipitale del cervello..

L'emianopsia omonima, di regola, si verifica con danni al tratto ottico e alla radiosità visiva (fascio di Graciole), nonché con patologie della superficie mediale nella corteccia del lobo occipitale del cervello vicino al solco speronato. Il segmento ventrale della radiosità visiva si trova parzialmente nel lobo temporale del cervello (ansa di Mayer), si piega attorno all'estremità anteriore dallo sperone inferiore del ventricolo laterale e si muove lungo la sua parete inferiore fino al labbro inferiore del solco. Con una lesione nell'area dell'ansa di Mayer o del labbro inferiore del solco speronato, si verifica un'emianopsia omonima del quadrante superiore. Quando la parte dorsale delle fibre di radianza visiva è danneggiata, andando verso il labbro superiore del solco speronato lungo il lobo parietale, si porta alla comparsa di un'emianopsia omonima del quadrante inferiore.

Nel caso di una lesione nel labbro superiore del solco speronato in entrambi i lobi occipitali del cervello, si sviluppa un'emianopsia orizzontale inferiore. Con una lesione nel labbro inferiore del solco dello sperone in entrambi i lobi occipitali del cervello, si verifica un'emianopsia orizzontale superiore.

L'estesa distruzione della corteccia in entrambi i lobi occipitali del cervello, escluso il polo in cui si trova la proiezione della regione maculare, porta alla comparsa di emianopsia bilaterale o cosiddetta visione tubulare, pur mantenendo le funzioni della visione centrale.

Schema dei normali campi visivi (lo spazio percepito dall'occhio con uno sguardo fisso - una linea curva nella figura); il diagramma è mostrato per confronto.

Schema dei campi visivi con emianopsia bitemporale (con danno alle fibre del chiasma ottico); i campi visivi abbandonati sono ombreggiati.

Diagramma dei campi visivi nell'emianopsia binasale (con lesione bilaterale delle fibre non incrociate del nervo ottico); i campi visivi abbandonati sono ombreggiati.

Schema dei campi visivi con emianopsia del lato destro (con danno al tratto ottico e luminosità visiva); i campi visivi abbandonati sono ombreggiati.

Schema dei campi visivi in ​​caso di emianopsia del quadrante superiore sinistro (con lesioni del labbro inferiore del solco inguinale); i campi visivi abbandonati sono ombreggiati.

Schema dei campi visivi con emianopsia del quadrante inferiore sinistro (con lesioni del labbro superiore del solco inguinale); la visione centrale è preservata; i campi visivi abbandonati sono ombreggiati.

Con lesioni del tratto ottico e danni alla radiosità visiva, i segni dell'omonima emianopsia variano in modo significativo.

Al fine di determinare il livello di danno alla via visiva con emianopsia omonima, è necessario tenere conto di una serie di segni clinici. Pertanto, l'atrofia primaria dei nervi ottici in combinazione con l'emianopsia omonima spesso indica un danno all'intero tratto ottico. Quando l'emianopsia omonima è il risultato di un danno al segmento centrale della via ottica, nei dischi del nervo ottico, non si osservano cambiamenti, poiché l'atrofia delle fibre nervose nella parte centrale, sotto i corpi genicolati laterali, non cade. Se l'emianopsia è dovuta a lesioni del tratto ottico, di solito si nota l'asimmetria dei difetti del campo visivo. Mentre una caratteristica dell'omonima emianopsia con lesioni del segmento centrale del percorso visivo è una pronunciata simmetria di difetti nel campo visivo di entrambi gli occhi, che è dovuta alle peculiarità del passaggio delle fibre nervose entro i confini della parte centrale, dove le fibre di sezioni identiche della retina dell'occhio si affiancano.

Nel caso di emianopsia omonima completa, le linee che dividono le metà cadute e conservate del campo visivo in alcuni casi passano attraverso il punto di fissazione o deviano ad arco verso il lato della metà rimossa, piegandosi attorno alla regione della macula. Questo è un dispositivo funzionale e non ha alcun significato per diagnosticare il grado di danno al percorso visivo..
Al fine di determinare il grado di danno al percorso visivo, viene prescritto uno studio della reazione emianopica delle pupille alla luce (luminosa e debole).

Una reazione emianopica alla luce (costrizione della pupilla) è possibile solo quando si illumina l'area della retina vista, l'illuminazione dell'area cieca non porterà ad alcun risultato. Per rilevare questa reazione, sono necessarie alcune condizioni di ricerca, con l'esclusione della possibilità che la luce colpisca la metà funzionante (vedente) della retina, pertanto viene utilizzata un'illuminazione locale di diversa intensità. Il valore diagnostico, reazione emianopica delle pupille, ha solo quando si identifica il grado di danno alla via visiva con emianopsia omonima. La risposta pupillare emianopica alla luce è spiegata dalle caratteristiche anatomiche del percorso delle fibre del percorso ottico, nonché dalle fibre pupillari..

In caso di danno a un neurone periferico nel percorso visivo, di qualsiasi intensità, l'illuminazione locale della metà vedente della retina provoca una normale reazione pupillare (un riflesso protettivo incondizionato). Mentre quando si illumina la metà cieca, non c'è reazione pupillare.

In questo caso, la reazione emianopica delle pupille può essere causata da una debole illuminazione locale della metà vedente della retina. L'illuminazione intensa, a sua volta, induce una normale risposta pupillare sia dal lato cieco che da quello vedente della retina..

Un prezioso segno diagnostico della localizzazione del processo patologico nel lobo occipitale del cervello è la presenza di sindromi ottiche.

Trattamento e prognosi

Il trattamento dell'emianopsia viene effettuato in base alla natura della malattia sottostante che lo ha causato.

A seconda della gravità e della natura di questa malattia, nonché del grado di danno al percorso visivo, l'emianopsia è temporanea o rimane un sintomo permanente della condizione.

Presso il centro medico della Clinica oculistica di Mosca, tutti possono essere visitati utilizzando le più moderne apparecchiature diagnostiche e, in base ai risultati, possono ottenere consigli da uno specialista altamente qualificato. La clinica consulta i bambini dai 4 anni. Siamo aperti sette giorni su sette e lavoriamo tutti i giorni dalle 9 alle 21. I nostri specialisti aiuteranno a identificare la causa della diminuzione della vista e eseguiranno un trattamento competente delle patologie identificate.

Per chiarire il costo di una particolare procedura, fissare un appuntamento presso la "Clinica oculistica di Mosca" è possibile chiamare il numero 8 (800) 777-38-81 (tutti i giorni dalle 9:00 alle 21:00, gratuitamente per telefoni cellulari e regioni della Federazione Russa) o utilizzando il modulo appuntamenti online.

Emianopsia

L'emianopsia è una malattia polietiologica che si manifesta come perdita del campo visivo omonima o eteronima. Sintomi tipici: sono possibili incapacità di vedere in alcune metà degli occhi, allucinazioni visive, fenomeni di agnosia, prosopagnosia e "paralisi mentale della vista". Per fare una diagnosi, è necessario condurre la perimetria e la campimetria computerizzata. Stabilire l'eziologia dell'emianopsia utilizzando ultrasuoni, tomografia computerizzata, risonanza magnetica per immagini e angiografia tomografica computerizzata (angiografia TC). La terapia etiotropica si basa sull'eliminazione della patologia organica che ha causato la clinica dell'emianopsia.

  • Cause di emianopsia
  • Sintomi di emianopsia
  • Diagnosi di emianopsia
  • Trattamento di emianopsia
  • Previsione e prevenzione dell'emianopsia
  • Prezzi del trattamento

Informazione Generale

L'emianopsia è una patologia della vista congenita o acquisita che si sviluppa a seguito di danni alle strutture del cervello. La forma congenita si verifica spesso sullo sfondo di altre malattie del sistema nervoso centrale, isolata è estremamente rara. Dopo aver analizzato 100 casi di emianopsia, J. Smith in 39 casi ha rivelato una deviazione dalla norma nel lobo occipitale del cervello, in 33 - nel parietale, in 24 - nel temporale, in 4 - nel tratto ottico e nel corpo genicolato laterale. L'emianopsia acquisita colpisce spesso le donne. Lo sviluppo di questa patologia è possibile a qualsiasi età, ma più spesso i sintomi si verificano nelle persone di età compresa tra 30 e 50 anni. Il trattamento sintomatico non è stato sviluppato, poiché la maggior parte degli studi in quest'area sono disponibili solo retrospettivamente.

Cause di emianopsia

Un ruolo chiave nello sviluppo dell'emianopsia è giocato dal danno ai tratti ottici, alle parti centrali del tratto ottico o alla corteccia occipitale. La sconfitta di queste strutture del cervello può essere causata da una serie di motivi, i più importanti tra i quali sono le patologie acquisite. Con la meningite con una localizzazione predominante nelle parti basali del cervello, si verifica la spremitura meccanica delle aree anatomiche responsabili della trasmissione degli impulsi nervosi alla corteccia. Il meccanismo di compressione per lo sviluppo dell'emianopsia avviene nelle localizzazioni intracraniche di neoplasie maligne e benigne, ascessi cerebrali.

La violazione della circolazione sanguigna nel cervello dovuta a tromboembolia o aneurismi dei vasi cerebrali porta non solo all'ischemia, ma aumenta anche il rischio di aumento dell'ipertensione intracranica e sviluppo di sanguinamento, che è accompagnato da un aggravamento del quadro clinico dell'ictus. Un grande volume di sangue, così come l'ipertensione, influenzano negativamente le prestazioni delle vie visive, fino alla loro completa atrofia. L'emianopsia può essere causata da gravi traumi al cranio o essere di origine iatrogena, a causa di tattiche improprie dei neurochirurghi durante interventi chirurgici al cervello.

Lo sviluppo dell'infarto ischemico nella regione dell'arteria cerebrale posteriore (PCA) colpisce la corteccia striatore, la radiosità visiva e il corpo genicolato laterale, che provoca l'insorgenza dell'omonima emianopsia dal lato opposto. Se la necrosi ischemica si sviluppa nella zona della corteccia striatore sotto il solco dello sperone o nelle parti inferiori della radiosità visiva al confine delle regioni temporale e occipitale, si verifica l'emianopsia del quadrante superiore, se il cervello è interessato sopra le strutture indicate al confine con la zona parietale - il quadrante inferiore. Le caratteristiche individuali dell'afflusso di sangue al cervello non escludono la possibilità che l'arteria cerebrale media (MCA) possa fornire un flusso sanguigno regionale di luminosità visiva. Pertanto, l'infarto nell'area MCA è uno dei fattori eziologici nello sviluppo dell'emianopsia. Allo stesso tempo, il danno al solco può essere manifestato da un quadro clinico della perdita di un lato del campo visivo dal suo lato..

L'emianopsia congenita è una delle manifestazioni di gravi malformazioni (idrocefalo, encefalocele, microcefalia, displasia cerebrale cistica).

Sintomi di emianopsia

Da un punto di vista clinico si distinguono emianopsia omonima (simmetrica) ed eteronima (binasale, bitemporale). Nella forma omonima, i pazienti lamentano la perdita della capacità di vedere con la metà destra o sinistra degli occhi. Con un danno al tratto ottico sinistro, si sviluppa un quadro clinico di emianopsia del lato destro. Le metà di sinistra cadono dal campo visivo con patologia del tratto ottico destro. Per la forma eteronima della malattia, è caratteristico il prolasso della metà mediale o laterale. L'emianopsia bitemporale si sviluppa quando il processo patologico è localizzato nella ghiandola pituitaria o nei lobi temporali, binasale - con aracnoidite chiasmale e sindrome della "sella turca vuota".

Il decorso clinico dell'emianopsia può essere accompagnato dallo sviluppo di allucinazioni visive e agnosia (disturbi nel riconoscimento di oggetti familiari con visione parzialmente preservata). Spesso ai pazienti viene diagnosticata la prosopagnosia, che si manifesta con l'incapacità di riconoscere volti familiari. I pazienti con emianopsia tendono a negare la loro malattia mantenendo l'orientamento, che indica un sintomo positivo di Anton-Babinsky. Si nota la capacità di fissare lo sguardo solo su un oggetto specifico, senza vederne altri, che è alla base della "paralisi mentale dello sguardo". Allucinazioni visive decorate (immagini familiari) o non formate (fuoco, immagini geometriche) si verificano inaspettatamente dopo un ictus.

I pazienti con emianopsia acquisita lamentano una scarsa capacità di svolgere il lavoro quotidiano, poiché alcuni oggetti cadono fuori dalla vista. Innanzitutto incontrano problemi a livello quotidiano: non si accorgono dell'intera porzione di cibo, per molto tempo non riescono a trovare le cose al loro posto abituale, sono disorientati nello spazio, leggono molto più lentamente e non si accorgono nemmeno sempre del trasporto in avvicinamento. La forma congenita della malattia è spesso accompagnata da patologie organiche del talamo, dei lobi parietali o del tronco cerebrale, pertanto i sintomi visivi sono integrati da parestesie, dolore e disturbi della sensibilità alla temperatura.

Diagnosi di emianopsia

La diagnosi di emianopsia viene effettuata sulla base di dati diagnostici topici. Per questo, è necessario condurre la perimetria e la campimetria del computer. Per chiarire l'eziologia e l'entità della lesione, vengono utilizzati l'ecografia, la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica (MRI) e l'angiografia tomografica computerizzata (angiografia TC). Si consiglia ai pazienti di consultare un oftalmologo e un neurologo.

Il metodo perimetrico consente di identificare i cambiamenti patologici nei campi visivi. Con una lesione omonima, la metà temporale del campo visivo cade simmetricamente in un occhio e la metà nasale del campo visivo nell'opposto. Con la forma bitemporale della malattia, la percezione delle metà temporali è compromessa, sia a sinistra che a destra. Per la cecità binasale, il prolasso mediale è caratteristico. Con disabilità visiva totale, stiamo parlando di emianopsia completa. La forma parziale (quadrante) viene stabilita quando si visualizza un difetto, a partire dal punto di fissazione dello sguardo. È anche possibile studiare la patologia del campo visivo in modalità automatizzata utilizzando la campimetria computerizzata. Il metodo consente di determinare con precisione la violazione della percezione del colore e della percezione della luce in varie parti della retina e indica a quale livello si è verificata la lesione.

La TC e la risonanza magnetica del cervello vengono eseguite per stabilire l'eziologia della malattia e selezionare ulteriori tattiche di trattamento. Utilizzando queste tecniche è possibile visualizzare formazioni volumetriche (ascessi, cisti, tumori), zone di ictus ischemico o emorragico, nonché il volume delle lesioni traumatiche. L'angiografia TC può essere utilizzata per visualizzare i vasi sanguigni nel cervello e valutare l'andamento del flusso sanguigno. Molto spesso, si osserva un danno nell'area della PCA, meno spesso della SMA. L'ecografia Doppler è un metodo non invasivo che consente di identificare la velocità del flusso sanguigno nelle arterie cerebrali e oculari, nonché il sito di occlusione.

La visometria e l'oftalmoscopia sono consigliate solo come screening. L'emianopsia non influenza l'acuità visiva. Con il metodo dell'oftalmoscopia, è possibile verificare la lesione della testa del nervo ottico solo nelle ultime fasi della malattia..

Trattamento di emianopsia

Il trattamento eziologico dell'emianopsia si basa sull'eliminazione di quelle malattie che hanno provocato lo sviluppo del quadro clinico di questa patologia. Il trauma craniocerebrale acquisito spesso richiede un intervento neurochirurgico urgente. Un modo efficace per eliminare la clinica dell'ictus ischemico è condurre la trombolisi nelle prime 6 ore con un'ulteriore terapia conservativa volta a ridurre la viscosità del sangue assumendo nootropi. La tattica del trattamento delle malattie oncologiche del cervello dipende dallo stadio del processo tumorale e molto spesso richiede intervento chirurgico, radioterapia o chemioterapia. Solo una parte delle malattie acquisite che hanno causato l'emianopsia possono essere trattate. Non sono state sviluppate misure specifiche per eliminare i fattori congeniti nello sviluppo di questa malattia..

Nel caso in cui sia impossibile eliminare i sintomi clinici, si consiglia al paziente la riabilitazione, il cui scopo è facilitare la sua interazione con l'ambiente esterno. Prima di tutto, il terapeuta deve insegnare al paziente a fare una serie di piccoli movimenti oculari verso il campo visivo abbandonato. Muoversi nello spazio richiede una rotazione costante degli occhi verso il lato interessato, nonché una fissazione ripetuta della vista a diverse distanze: ciò si ottiene solo attraverso l'allenamento. La lettura può essere facilitata tenendo il libro a un angolo di 90 gradi e leggendo le linee verticalmente.

È possibile compensare parzialmente l'emianopsia con l'aiuto di prismi speciali e specchi con occhiali. Quando la direzione dello sguardo viene spostata sul lato interessato, dispositivi speciali consentono di vedere le aree di caduta. Questa tecnica richiede un movimento oculare attivo, ma senza giri costanti della testa. La funzione visiva può essere migliorata utilizzando tecniche informatiche. Corsi speciali mirano a facilitare l'orientamento nello spazio e svolgere i lavori domestici.

Previsione e prevenzione dell'emianopsia

La prognosi di vita e disabilità nell'emianopsia dipende dall'eziologia e dalla forma della malattia, nonché dalla tattica del trattamento. Con una terapia tempestiva ed efficace, è possibile il ripristino completo delle funzioni visive perse. La progressione della patologia sottostante, il cui sintomo clinico è l'emianopsia, può provocare una completa perdita della vista con conseguente disabilità del paziente. I moderni metodi di riabilitazione non sono in grado di fornire un pieno risarcimento per le manifestazioni della malattia, ma facilitano in modo significativo la vita del paziente.

In oftalmologia non sono state sviluppate misure preventive specifiche. Si consiglia ai pazienti di sottoporsi annualmente a un esame di routine da parte di un oftalmologo. La comparsa di disturbi aspecifici (perdita di peso, malessere, mal di testa) richiede la consultazione di un neurologo o oncologo per escludere neoplasie patologiche del cervello.

Per Maggiori Informazioni Su Emicrania

Perdite Di Memoria